“Pour un oui ou pour un non”, al Sociale la coppia Branciaroli-Orsini

Il testo di Nathalie Sarraute portato in scena dai due grandi attori debutterà martedì 5 aprile 2022 e resterà in cartellone fino a giovedì 14 aprile. La traduzione, la regia, le scene e i costumi sono di Pier Luigi Pizzi.

(red.) Come possono le parole “non dette” o le intonazioni ambigue provocare malintesi e guastare definitivamente l’amicizia di due vecchi amici? Come possono i silenzi, gli accenti o i toni indefiniti provocare equivoci tali da minare un affetto profondo?
Nathalie Sarraute, scrittrice francese di origine russa tra le più importanti della seconda metà del Novecento, ha occupato un posto di primo piano nell’alchimia tra teatro dell’assurdo e teatro del quotidiano.
Con Pour un oui ou pour un non la Sarraute – che si dedicò a lungo alla professione di avvocato, luogo privilegiato per l’esercizio della parola – ci consegna un testo spiazzante e complesso che mette al centro la forza delle parole, costruendo una ragnatela di significati e intuizioni di incomparabile abilità.
Nuova produzione firmata da Compagnia Orsini e Teatro de Gli Incamminati, in collaborazione con Centro Teatrale Bresciano, Pour un oui pour un non di Nathalie Sarraute approda ora a Brescia dopo la lunga e acclamata tournée che l’ha visto toccare i più importanti palcoscenici italiani. Lo spettacolo di Pier Luigi Pizzi, che ha curato la traduzione, la regia, le scene e i costumi, vede come protagonisti due giganti del teatro italiano, Franco Branciaroli e Umberto Orsini, che si ritrovano a condividere la scena dopo molti anni.

"Pour un oui ou pour un non" “Per un si o per un no” Umberto Orsini Franco Branciaroli

Lo spettacolo sarà al Teatro Sociale di Brescia (via F. Cavallotti, 20) per la Stagione 2021-2022 E ti vengo a cercare del Ctb; debutterà martedì 5 aprile 2022 e sarà in scena fino a giovedì 14 aprile (tutti i giorni alle ore 20:30; la domenica alle ore 15:30). L’allestimento si avvale delle voci di Flavio Francucci e Chiara Degani, le luci di Carlo Pediani, il suono di Alessandro Saviozzi, Lorenzo Maria Mazzoletti è assistente alla regia.
Il testo racconta di due amici che si ritrovano dopo un non motivato distacco. Si interrogano sulle ragioni della loro separazione: un allontanamento che, a prima vista, appare inspiegabile. Scavando tra le pieghe delle conversazioni i due scoprono che sono stati i silenzi tra le parole dette e soprattutto le ambiguità delle intonazioni dei loro discorsi a deformare la comunicazione, aprendola a significati multipli e differenti e generando equivoci e malintesi.
Si rendono conto che ogni intonazione può essere interpretata nei modi più diversi a seconda della disposizione d’animo di chi l’ascolta.

"Pour un oui ou pour un non" “Per un si o per un no” Umberto Orsini Franco Branciaroli

È questo il tema centrale di Pour un oui ou pour un non, tradotto nella nostra lingua “Per un si o per un no”. A dispetto della sua semplicità, il titolo scelto dalla Sarraute cela un significato profondo, una riflessione attenta su come un piccolo particolare – un si o un no, appunto – possa cambiare radicalmente il senso di una conversazione, provocando talvolta lacerazioni profonde, ferite insanabili nel cuore di chi ascolta.
Costruito su un meccanismo teatrale di impressionante complessità, il testo della drammaturga francese è un’occasione straordinaria per misurare ancora una volta l’immenso talento di due colonne del teatro italiano, Franco Branciaroli e Umberto Orsini, di nuovo insieme sulla scena dopo molti anni. A guidare questa sfida, uno dei maestri indiscussi dello spettacolo, Pier Luigi Pizzi.

"Pour un oui ou pour un non" “Per un si o per un no” Umberto Orsini Franco Branciaroli

Biglietti. Intero: platea 27 euro, I galleria 20 euro, II galleria 18 euro, III galleria 15 euro.
Ridotto gruppi (Soci Coop, Arci, Touring Club e titolari carta Ikea family): platea 25 euro, I galleria 18 euro, II galleria 16 euro, III galleria 13 euro.
Ridotto speciale (fino a 25 anni e ultra 65): platea 20 euro, I galleria 16 euro, II galleria 14 euro, III galleria 11 euro.
E’ necessaria la certificazione Super green pass. E’ obbligatorio indossare la mascherina FFP2.
Biglietteria del Teatro Sociale, via Felice Cavallotti, 20 – Brescia- Tel. 030 2808600; e-mail biglietteria@centroteatralebresciano.it
Orari: martedì – sabato ore 16.00-19.00, domenica ore 15.30 – 18.00.
Biglietteria telefonica. Secondo gli stessi orari del botteghino, è disponibile la biglietteria telefonica al numero 376 0450011. Si informa che agli acquisti effettuati e pagati con carta di credito, tramite il servizio di biglietteria telefonica, verrà applicata la maggiorazione pari al 2,5% del costo dell’abbonamento o biglietto.
Punto vendita Ctb. Piazza della Loggia, 6 – Brescia: martedì – venerdì 10.00-13.00 (escluso i festivi).
On-line. Sul sito www.vivaticket.it e in tutti i punti vendita del circuito Vivaticket.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.