Quantcast

Quattro spettacoli e otto date per le giornate della Memoria e del Ricordo

Le rappresentazioni, tutte a ingresso libero, sono nel cartellone di Pressione bassa, la rassegna organizzata da Teatro Laboratorio con il patrocinio della Fondazione Provincia di Brescia.

(red.) Sono otto le date – tutte a ingresso libero – in cartellone di Pressione bassa, rassegna organizzata da Teatro Laboratorio con il patrocinio della Fondazione Provincia di Brescia Eventi per celebrare la Giornata della Memoria (27 gennaio) e quella del Ricordo (10 febbraio). “Ricordare le vittime e la spaventosa macchina di morte inventata dall’uomo contro l’umanità diventa necessario, un impegno e nello stesso tempo un dovere civile, afferma Sergio Mascherpa, direttore artistico. Ricordare e prima ancora conoscere, perché come disse Primo Levi, sopravvissuto ad Auschwitz, ‘Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte e oscurate: anche le nostre’”.
Un doppio compito del quale si è fatto carico il teatro civile, che racconta storie vere, spesso dimenticate, e costruendo ponti di memoria viva tra generazioni.

Un uomo Sergio Mascherpa

Un uomo, di e con Sergio Mascherpa, in scena mercoledì 26 gennaio al Teatro comunale di Lograto, giovedì 27 al Teatro comunale di Cellatica, venerdì 28 nella Sala consiliare di Castel Mella e sabato 29 al Teatro Le Muse di Flero (tutti gli spettacoli sono alle 21), è dedicato a Primo Levi. Deportato, sopravvissuto alla tragedia dei campi di concentramento, in seguito rimpatriato in Italia attraverso un viaggio di ritorno lungo un anno, Levi ha sentito l’urgenza di scrivere i suoi ricordi di prigionia. Uno spettacolo per ricordare quella non-umana esperienza e altri genocidi, e per non dimenticare.

il-magnifico-impostore

Il magnifico impostore, di e con Alessandra Domeneghini, per la regia di Sergio Mascherpa, narra la storia di Giorgio Perlasca, che salvò 5.218 ebrei ungheresi in una situazione di pericolo costante. Lo fece per amore di giustizia e in silenzio: dopo la liberazione di Budapest, tornò finalmente a Padova nel 1945, e non raccontò a nessuno, neanche ai suoi familiari ciò che aveva compiuto. Il magnifico impostore sarà in scena giovedì 27 gennaio ore 21 all’Auditorium Padovani di Trenzano.

Gino Bartali Federica Molteni

Sempre giovedì 27 nella Sala Togni di Gussago e mercoledì 2 febbraio al Teatro Lolek di Rezzato, alle 21, va in scena Gino Bartali, un eroe silenzioso, con Federica Molteni per la regia di Carmen Pellegrinelli. La storia del mitico ciclista, che diventò staffetta della rete clandestina: il racconto della vita di un campione, ma soprattutto di un uomo che scelse da che parte stare.

Sorelle Anna Teotti Francesca Cecala

Ultimo appuntamento, organizzato dai comuni di Ome e Rodengo Saiano per celebrare la Giornata del Ricordo, in onore delle vittime delle Foibe, è con Sorelle, con Anna Teotti e Francesca Cecala per la regia di Sergio Mascherpa, domenica 6 febbraio alle ore 21 nell’Auditorium San Salvatore di Rodengo. La storia di due donne, una italiana e una slava, del racconto del massacro delle Foibe e dell’esodo istriano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.