Il 22 febbraio s’illumina anche il Teatro Sociale di Brescia

Più informazioni su

(red.) Anche il Centro Teatrale Bresciano parteciperà alla manifestazione Facciamo luce sul teatro! indetta dall’Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo U.N.I.T.A. con lo scopo di chiedere, attraverso un’azione collettiva, la riapertura dei teatri. La partecipazione all’evento vede il sostegno del Comune di Brescia.
A un anno di distanza dal primo provvedimento governativo che come prima misura di contrasto al coronavirus chiedeva la chiusura immediata dei teatri nelle principali regioni del Nord, estendendo rapidamente il provvedimento a tutto il territorio nazionale nel giro di pochi giorni, attraverso questa manifestazione U.N.I.T.A. chiede al nuovo governo e a tutta la cittadinanza che si torni immediatamente a parlare di Teatro e di spettacolo dal vivo, che si programmi e si renda pubblico un piano che porti prima possibile a una riapertura in sicurezza di questi luoghi.

Il Centro Teatrale Bresciano risponde alla richiesta dell’associazione di organizzare in tutte le città italiane un presidio dei teatri nella serata del 22 febbraio, perché questi luoghi tornino simbolicamente ad essere ciò che sono sempre stati: piazze aperte sulla città, motori psichici della vita di una comunità.
Continuando a osservare tutte le disposizioni di sicurezza in vigore, lunedì 22 febbraio, dalle 19,30 alle 21,30, il Teatro Sociale di Brescia sarà dunque aperto, vivo e illuminato, per tornare a incontrare quella parte essenziale e indispensabile di ogni spettacolo senza la quale il teatro semplicemente non è: il pubblico.
Garantendo l’osservanza delle norme in vigore, la cittadinanza è invitata a testimoniare la propria vicinanza con la presenza fisica davanti al teatro, per lasciare una traccia scritta di un pensiero su un foglio portato da casa o sul registro che il CTB metterà a disposizione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.