Ctb, per la Giornata della Memoria mercoledì 27 gennaio “In piena luce”

(red.) Per la Giornata della Memoria mercoledì 27 gennaio (on line gratuitamente dalle ore 15,30 sul sito e canale YouTube del Ctb) il Centro Teatrale Bresciano, con il patrocinio di Casa della Memoria di Brescia, propone il video di In piena luce, Lezione-spettacolo ideata da Marco Archetti, con Ludovica Modugno e Marco Archetti.
Proprio in questi giorni In piena luce avrebbe dovuto debuttare al Teatro Mina Mezzadri di Brescia per la Stagione 2020-2021 del Ctb, Gli infiniti mondi.

Per dare al pubblico la possibilità di non mancare l’importante appuntamento, visto il prolungarsi della chiusura delle sale teatrali e dunque l’impossibilità di dare seguito alle rappresentazioni, il Centro Teatrale Bresciano rende disponibile online il video dello spettacolo, realizzato nel 2019 nella sala di Contrada Santa Chiara.
Mercoledì 27 gennaio dalle ore 15,30 lo spettacolo ideato, scritto e diretto da Marco Archetti, liberamente ispirato alle opere di Primo Levi, con Ludovica Modugno e Marco Archetti, sarà disponibile gratuitamente e senza obblighi di registrazione sul sito del CTB  e sul canale YouTube  del Ctb fino al 7 febbraio 2021 compreso.

In questo progetto Marco Archetti – scrittore, giornalista e già autore di spettacoli di produzione Ctb di grande risonanza come La storia per la regia di Fausto Cabra e La parola giusta con Lella Costa e la regia di Gabriele Vacis – sale sul palcoscenico per accompagnare il pubblico alla scoperta di Se questo è un uomo e La tregua, due capolavori letterari di grandezza assoluta, e tra le più alte testimonianze rese sulla Shoah.
Al suo fianco Ludovica Modugno, magnetica nell’interpretazione di alcune delle pagine più intense di questi capolavori.
Una lezione-spettacolo coinvolgente ed emozionante, pensata e portata in scena per la prima volta nell’anno delle celebrazioni per il centenario della nascita di Primo Levi e ora riproposta in forma virtuale, per continuare a rendere omaggio a una delle personalità più significative del Novecento e per contribuire a mantenere viva la riflessione su una delle più grandi tragedie della storia europea.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.