Quantcast

Piazza Loggia, il ricordo della strage con otto rintocchi

(red.) Una piazza piena di gente con il capo chino, otto mesti rintocchi della campana dei Macc de le ùre. Bastano le immagini girate questa mattina – 28 maggio 2021 – dalla Cgil di Brescia per testimoniare più di ogni discorso quanto pesi ancora sul cuore e nella memoria di tutti i bresciani, a 47 anni dalla bomba fascista, la strage di Piazza della Loggia che quella mattina del 28 maggio 1974, durante una manifestazione sindacale, uccise otto persone e ne ferì 102.
Morirono Giulietta Banzi Bazoli, 34 anni, insegnante, Livia Bottardi in Milani, 32 anni, insegnante, Alberto Trebeschi, 37 anni, insegnante, Clementina Calzari Trebeschi, 31 anni, insegnante; Euplo Natali, 69 anni, pensionato, ex partigiano; Luigi Pinto, 25 anni, insegnante; Bartolomeo Talenti, 56 anni, operaio; Vittorio Zambarda, 60 anni, operaio.
Solo il 20 giugno 2017 la Corte di Cassazione ha confermato in via definitiva la condanna all’ergastolo per Carlo Maria Maggi e Maurizio Tramonte, riconosciuti colpevoli dell’eccidio.
Questo video è stato girato in apertura della commemorazione programmata nella piazza, che ha visto grande affluenza di cittadini sia pure nel rispetto delle norme sanitarie.

piazza Loggia 28 maggio 2021
piazza Loggia 28 maggio 2021

 

piazza Loggia 28 maggio 2021

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.