Il 28 maggio di Brescia in un «CapoLavoro»

A Santa Giulia fino all'8 giugno l'anteprima della mostra di pittura promossa dalla Cgil per ricordare le vittime dell'attentato.

(red.) Il 40esimo anniversario della strage di piazza Loggia a Brescia in una mostra allestita presso il Museo di Santa Giulia, in città, con un riferimento al mondo del lavoro, duramente colpito proprio quel 28 maggio 1974.
Già dal 1975 il Maggio Culturale fu animato da mostre d’arte, come risposta di Brescia alla strage fascista compiuta durante una manifestazione sindacale: la cultura come momento di aggregazione e di riflessione. Il lavoro, oggi precario, flessibile, carico di insicurezza e nuova povertà o, più raramente, aperto, nella mobilità e nella pluralità di ambienti, a nuove esperienze.
Brescia, città simbolo dell’industria e dello sviluppo economico – cui deve la ricchezza di decenni – laboratorio di nuovi modelli di lavoro e organizzazione sociale, nel recupero della memoria della fatica e della dignità del lavoro può trovare il senso della propria storia recente.
Attraverso una selezione di opere della Raccolta Cgil, donate nei decenni da importanti artisti italiani e di altre opere del Museo del Premio Suzzara, dedicato dal 1948 al tema arte e lavoro, nella mostra «CapoLavoro».
Arte e impegno sociale nella cultura italiana attraverso il Novecento si potranno rileggere forme e condizioni di lavoro e figure di lavoratori in un contesto che muta nel corso della storia e da fatica delle braccia si trasforma sempre più in lavoro delle macchine, fino alle forme più vicine a noi sul versante di una condizione automatizzata e informatizzata.
La mostra, promossa da Cgil Brescia, si articola in due momenti: l’anteprima, andata in scena con il taglio del nastro venerdì 23 maggio, alla presenza anche di Susanna Camusso, segretaria generale della Camera del Lavoro, del segretario provinciale Damiano Galletti, del sindaco Emilio Del Bono e del vice e assessore alla Cultura Laura Castelletti, rimane allestita fino all’8 giugno 2014, e annuncia, attraverso alcune opere esemplificative, i temi della mostra vera e propria «CapoLavoro», che sarà allestita in via Musei dalla metà di ottobre 2014 con circa 70 opere.
Nell’anteprima, con un celebre studio del 1951 di Renato Guttuso dedicato alla Battaglia di Ponte dell’Ammiraglio si aprono finestre sul lavoro bracciantile nei campi e nell’edilizia (le Mondine di Giuseppe Migneco, il Muratore di Remo Pasetto), sul lavoro femminile (la Tessitrice di Piero Martina), sul lavoro nel mare (il cantiere navale ne Il lavoro di Tato, i Pescatori di Ugo Attardi), la fabbrica (La raffineria di Paolo Ricci, il Cantiere brasatori di Alberto Nobile), sul grande tema sociale dell’emigrazione (la Famiglia di emigranti di Alberto Sughi).
Nel percorso della mostra «CapoLavoro» da un’Italia arcaica, artigiana, contadina, in cerca di pane anche nell’emigrazione, si passerà alla celebrazione dell’eroismo dei costruttori del mondo nuovo, al realismo che celebra il lavoro come immane fatica ma anche come progresso, all’avvento della fabbrica come paesaggio moderno, alle lotte bracciantili e sindacali del dopoguerra, alla scomparsa del lavoro tradizionale, attraverso una raccolta significativa che rappresenta un frammento, non limitato, della ricerca artistica italiana specie nella seconda metà del Novecento, da Birolli a Guttuso, da Pizzinato a Romagnoni, da Plattner a Tadini, da Francese a Ceroli, da Pozzati a Valentini.
Ingresso all’anteprima compreso nel biglietto del Museo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.