Quantcast

Morti bianche, in 10 mesi 13 le vittime bresciane

Secondo l' Osservatorio nazionale morti sul lavoro, al 31 ottobre 2021 sono già 581 gli infortuni letali, 61 dei quali avvenuti in Lombardia. Brescia detiene la maglia nera a livello regionale.

(red.) Sono già 581, nei primi dieci mesi del 2021, i morti sui luoghi di lavoro sul territorio nazionale, di cui 13 nel bresciano. 54 le vittime registrate nel solo mese di ottobre in Italia.
“A questo numero”, spiega Carlo Soricelli, metalmeccanico in pensione ed artista, che dal 1 gennaio 2008 monitora costantemente l’andamento delle morti bianche, “occorre aggiungere almeno altrettanti lavoratori morti sulle strade e in itinere che sono considerati a tutti gli effetti morti per infortuni sul lavoro”.

Nel novero delle vittime, viene spiegato nel report dell’Osservatorio nazionale morti sul lavoro, non sono conteggiati “neppure i morti per Covid”, che sono stati, nell’anno in corso e fino al 31 ottobre, “90 medici (368 totali dall’inizio epidemia) e 80 infermieri. Il 70% dei lavoratori morti per infortuni sul lavoro da coronavirus sono donne”.
Una distinzione che viene effettuata perchè, continua Soricelli, “l’Inail considera i propri assicurati morti a causa del coronavirus, come morti per infortuni sul lavoro, noi aggiungiamo anche gli altri che non lavorano nella Sanità”.

In Lombardia i decessi sul lavoro sono stati 61: Milano (11), Bergamo (12), Brescia (13), Como (3), Cremona (1), Lecco (3), Lodi (1), Mantova (2), Monza Brianza (0), Pavia (8), Sondrio (4), Varese (3). Peggio della nostra regione ha fatto la Campania, con 62 vittime. Il minor numero di incidenti fatali si è registrato in Valle d’Aosta, con 2 morti bianche.
Dal report dell’Osservatorio emerge che, a livello regionale, la provincia bresciana si quella in cui si registra il maggior numero di incidenti mortali sui luoghi di lavoro.
Un altro dato significativo che emerge dalla relazione è quello degli addetti nel settore agricolo, dove le morti hanno raggiunto quota 146 in dieci mesi.

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.