Quantcast

Lombardia, Brescia prima per piste ciclabili

Cremona per le aree pedonali, Bergamo per le ZTL. Lo rivela un sondaggio di Centro Studi Continental su dati Istat.

Più informazioni su

(red.) Brescia è il comune capoluogo di provincia in Lombardia con la maggiore estensione di piste ciclabili (132,84 km di piste ciclabili per 100 km2 di superficie) mentre  Cremona detiene il primato di aree pedonali (105,43 m2 di aree pedonali per 100 abitanti).
Per quanto riguarda le zone a traffico limitato è Bergamo a primeggiare in Lombardia, con 12,66 km2di zone a traffico limitato per 100 km2 di superficie comunale. Questi dati emergono da una ricerca del Centro Studi Continental su dati Istat, ricerca che specifica anche l’evoluzione avuta dal 2008 al 2012 da piste ciclabili, aree pedonali e zone a traffico limitato nei comuni capoluogo di provincia in Lombardia. La città in cui le piste ciclabili sono cresciute di più è Bergamo (+145,8%); quella in cui l’aumento delle aree pedonali è stato maggiore è Sondrio (+136,5%), mentre per quel che riguarda le ztl la crescita maggiore è stata registrata a Milano (+66,7%).
Passando alla situazione emersa a livello nazionale, vi è da dire che nel 2008 nei comuni capoluogo di provincia italiani vi erano mediamente 0,60 km2 di zone a traffico limitato per 100 km2 di superficie comunale; nel 2012 questo rapporto è arrivato a quota 0,64, con un aumento del 6% in cinque anni. Sempre nel periodo che va dal 2008 al 2012 i m2 di aree pedonali per 100 abitanti sono passati da 31,05 a 33,44, con una crescita del 7,7%. Molto più forte l’incremento per le piste ciclabili. Infatti i km di piste ciclabili per 100 km2 di superfice comunale nel 2008 erano mediamente 12,93 mentre nel 2012 erano 17,40 con un aumento del 34,5%.
I dati che scaturiscono dalla ricerca del Centro Studi Continental dimostrano un crescente interesse da parte delle amministrazioni pubbliche per il miglioramento della qualità della vita nelle nostre città, nonostante le difficoltà della crisi economica, che ha avuto un impatto pesante anche sui bilanci delle amministrazioni locali.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.