Quantcast

Torna di moda il furto d’auto

Secondo i numeri le denunce sarebbero cresciute in due anni dell'8 %. A essere prese di mira le auto di lusso parcheggiate vicino a tangenziali e autostrade, dove la fuga è più facile.

(red.) Anche i furti hanno i loro “settori” e quello delle auto rubate erano anni che era in crisi. Nel 2013 il numero di furti d’auto, con grande dispiacere di tutti gli automobilisti, è tornato però a salire. Complice una domanda di vetture a basso costo che spesso non disdegna di rivolgersi alla ricettazione.
Facendo il calcolo delle denunce risulta che in tutta la provincia di Brescia spariscono ogni giorno circa cinque autovetture. Praticamente un’auto rubata ogni cinque ore. Un fenomeno che si è inasprito proprio negli ultimi due anni: dal 2011 al 2013 c’è stato un incremento dell’8%. (da 1645 a 1783). Non siamo certo alle cifre di qualche decennio fa, quando le denunce superavano abbondantemente le 3 mila unità. Eppure l’allarme torna a crescere. I sistemi avanzati di antifurto capaci di rintracciare l’auto tramite il satellite, bastano ancora a scoraggiare i più. Eppure l’emergenza sociale, il bisogno o il semplice desiderio di arricchirsi aguzzano l’ingegno dei malviventi ormai capaci di bypassare ogni sistema d’allarme.
Tra le zone più colpite ci sono quelle che garantiscono numerose e facili vie di fuga: laddove esistono autostrade e tangenziali i furti crescono esponenzialmente. Oltre a Brescia (prima nella classifica con quasi un terzo delle auto rubate), la classifica vede al vertice Desenzano (55). Seguono Roncadelle, Lonato e Mazzano. Curioso notare che si tratta di tre paesi contraddistinti dalla presenza sul proprio territorio di centri commerciali di una certo rilievo. È proprio qui che i ladri preferiscono colpire.
Lo sanno bene i vertici de “Le Rondinelle”, il centro commerciale di Roncadelle, che, per arginare il fenomeno e garantire maggiore sicurezza ai propri clienti, oltre al potenziamento della videosorveglianza,  ha attivato un servizio di vigilanza privata. «Il tuo shopping ha un amico in più» recita la scritta stampata sulla sagoma del poliziotto in stile americano: muscoloso e con gli occhiali da sole. Un numero da chiamare per eventuali emergenze: furti, aggressioni o anche semplicemente solo per avere un aiuto a ritrovare la macchina,problema comune in parcheggi così grandi. Ma chiaramente al primo posto c’è la prevenzione dei furti. Certo che intanto è sempre il poliziotto vero e proprio a dover intervenire quando l’auto non c’è proprio più.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.