Niente miracolo, Bal Lumezzane retrocede

L’ufficialità è arrivata sul campo, nel corso della trasferta in casa delle campionesse d’Italia 2018 del Tennis Beinasco.

(red.) Il miracolo non è arrivato, e dopo un’annata agrodolce il Bal Lumezzane deve salutare la Serie A1 di tennis. Un campionato che a tratti la formazione bresciana ha mostrato di poter meritare, battagliando con alcune delle più forti d’Italia, ma che per il momento le ha rimandate, con qualche episodio sfortunato sul quale recriminare. L’ufficialità della retrocessione è arrivata nella trasferta in casa delle campionesse d’Italia 2018 del Tennis Beinasco, che col 3-1 della gara d’andata di sette giorni fa avevano compiuto un bel passo avanti verso la salvezza, e oggi hanno completato l’opera vincendo i due singolari inaugurali. Sono bastati quelli: i due punti incassati le hanno rese irraggiungibili, dando il la alla festa. La formazione capitanata da Alberto Paris, tuttavia, ha lasciato il Piemonte a testa alta, battuta di misura in due incontri che a un certo punto sembravano poter addirittura consegnare il 2-0 alla formazione ospite. Invece è andata male, con Georgia Brescia capace di rimontare da 2-5 a 6-5 e servizio nel terzo set del duello contro Anastasia Grymalska ma poi beffata per 6-2 6-7 7-6, e con Ylena In-Albon battuta da Giulia Gatto-Monticone dopo 2 ore e 22 minuti di battaglia. Perso il primo set per 7-5, la tennista svizzera ha pareggiato i conti nel secondo con lo stesso punteggio e poi è partita meglio nel terzo. Ma dal 3-2 e servizio è calata di intensità, finendo per cedere quattro dei successivi cinque giochi, arrendendosi per 7-5 5-7 6-4.

 

“Abbiamo fatto ciò che potevamo, dall’inizio alla fine – dice il capitano Alberto Paris – ma era praticamente impensabile l’idea di strappare la salvezza a una squadra come il Tennis Beinasco, ancora di più dopo la sconfitta dell’andata. Spiace perché entrambe le ragazze (Brescia e In-Albon, ndr) non sono andate lontane dal successo, ma nel momento più importante è mancato qualcosa. Il compito sarebbe rimasto comunque difficile anche in caso di 2-0 in nostro favore, ma sicuramente la giornata sarebbe diventata più interessante e avvincente”. Invece non c’è stato nulla da fare, ma come accennato il campionato delle bresciane ha anche tanti aspetti positivi, e senza episodi sfortunati come l’infortunio della In-Albon (costretta al ritiro ben tre volte) oggi la storia poteva essere diversa. “Non va dimenticato – continua Paris – che era la nostra prima esperienza in Serie A1 e già essere arrivati così in alto resta un grande risultato. C’è un po’ di rammarico perché senza l’infortunio di Ylena potevamo fare un campionato diverso, e magari affrontare ai play-out una formazione più abbordabile rispetto alle campionesse d’Italia in carica. Ma ormai non c’è più spazio per i rimpianti: cogliamo i lati positivi di questo campionato e pensiamo al futuro”. Un futuro che significa ripartenza dalla Serie A2, ma con più esperienza e anche con la consapevolezza nuova che la A1 non è fuori portata. Il Bal Lumezzane può tornarci presto, con l’obiettivo di rimanerci.

RISULTATI
Incontro di ritorno play-out
Tennis Beinasco b. Bal Lumezzane 2-0 (andata: 3-1)
Anastasia Grymalska (B) b. Georgia Brescia (L) 6-2 6-7 7-6, Giulia Gatto-Monticone (B) b. Ylena In-Albon (L) 7-5 5-7 6-4.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.