Cori razzisti contro Balotelli, 20 mila euro di multa alla Lazio

Chiesto anche alla procura della Figc un supplemento di indagini per individuare i responsabili nel settore.

(red.) La partita di calcio Brescia-Lazio che si è disputata domenica 5 gennaio all’ora di pranzo al Rigamonti è balzata agli onori delle cronache, aldilà del risultato di 2-1 a a favore dei bianco-celesti, anche per Mario Balotelli che si è confermato marcatore del decennio dopo aver segnato, quando militava nell’Inter, anche nella gara d’esordio del 2010. Ma dallo stesso match sono arrivati gli stessi disagi connessi ai cori razzisti e che hanno visto l’attaccante ancora destinatario da parte della curva laziale.

Su questo fronte ieri, mercoledì 8 dicembre, il giudice sportivo ha stabilito un’ammenda di 20 mila euro alla società del presidente Claudio Lotito. I cori all’indirizzo del giocatore erano arrivati al 21° e 29° del primo tempo, tanto da spingere l’arbitro a sospendere la partita per un minuto e a emettere un avviso agli altoparlanti per evitare altri comportamenti simili.

Ma oltre alla sanzione di 20 mila euro, il giudice sportivo ha chiesto alla procura della Figc un supplemento di indagini per capire il settore della curva dal quale sono arrivati i cori razzisti e anche la collaborazione della Lazio nell’individuare i sostenitori colpevoli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.