Top 16 Eurocup, Brescia perde a Patrasso. Qualificazione a rischio

In Grecia finisce 67-56 a favore dei padroni di casa. Ora l'ultimo turno il 3 marzo contro Umana Reyer Venezia.

(red.) PROMITHEAS PATRAS BC-GERMANI BRESCIA LEONESSA 67-56 (16-16, 35-32, 57-51)

Promitheas Patras BC: Bell ne, Hall 11 (2/6, 2/3), Babb 5 (1/7 da tre), Lypovyy ne, Agravanis 10 (2/5, 2/5), Mavrokefalidis 15 (6/12, 0/1), Kaselakis 4 (0/1, 1/2), Mantzaris 10 (4/8, 0/6), Katsivelis 8 (3/3, 0/1), Fieler, Jones 4 (2/2), Mantzoukas ne. All. Giakis.
Germani Brescia Leonessa: Zerini, Warner 4 (2/2, 0/1), Trice 4 (0/3, 1/2), Abass 4 (2/5, 0/3), Cain 2 (1/4), Laquintana 16 (4/8, 2/3), Lansdowne 4 (1/5, 0/1), Guariglia ne, Horton 15 (6/11, 1/4), Moss 5 (2/4, 0/3), Sacchetti 2 (0/2 da tre). All. Esposito.
Arbitri: Hordov, Juras e Lavrukhin.
Note: Tiri da 2 Patras 19/37 (51%) – Brescia 18/44 (41%). Tiri da 3 Patras 6/25 (24%) – Brescia 4/20 (20%). Tiri liberi Patras 11/20 (55%) – Brescia 8/9 (89%). Rimbalzi Patras 42 (33 RD, 9 RO) – Brescia 42 (33 RD, 9 RO).

Niente colpaccio in Grecia per la Germani Basket Brescia che ieri, mercoledì 5 febbraio, nel penultimo turno della Top 16 di Eurocup, incassa una sconfitta per opera del Promitheas Patrasso con il risultato di 67-56. La Leonessa, ancora senza Luca Vitali, è sempre stata costretta all’inseguimento. Assieme al tentativo di tornare in Italia con il successo, per Brescia nei minuti finali sfuma anche la possibilità di mantenere a proprio favore la differenza canestri con i greci, che al PalaLeonessa avevano perso di 6 lunghezze. Tutto questo rende ancora più complicato il cammino verso il passaggio del turno che ora dipenderà anche e soprattutto dai risultati che matureranno sugli altri campi.

Alla Dimitris Tofalos Arena i giochi cominciano all’insegna dell’equilibrio, con la chiusura del primo quarto sul 16-16. C’è spazio per grande intensità, ma nel secondo periodo Patrasso prova a piegare la Leonessa che in qualche occasione perde il filo in attacco e concede pericolosi allunghi (i greci toccano anche +10). E all’intervallo lungo si arriva sul 35-32. Nella seconda parte di gara Brescia è chiamata a compiere un altro sforzo, ma Patrasso scappa ancora sulla doppia cifra di vantaggio a metà terzo quarto. La Germani nel finale del terzo periodo dimezza il divario e nei 10′ finali sopraggiunge però la stanchezza. Grazie a Laquintana (top scorer di giornata con 16 punti) e Horton (15+9 rimbalzi), gli uomini di coach Vincenzo Esposito mantengono viva la partita, ma il risultato finale li vede sconfitti.

“Congratulazioni al Promitheas, che ha giocato con aggressività e fisicità per tutti i 40′. Nei momenti chiave del match ha controllato i possessi e li ha giocati meglio di noi. Sono soddisfatto perché la squadra ha lottato per tutta la partita, anche se non è stato abbastanza. Sono orgoglioso di ciò che abbiamo fatto – ha commentato coach Esposito a fine partita – e credo che alla fine Patrasso abbia giocato meglio di noi, meritando la vittoria.

Sapevamo che a questo livello, alle Top 16, si gioca un basket molto fisico e che è importante avere un roster in salute, cosa che ora purtroppo non abbiamo. Ora non ci resta che fare il massimo per chiudere il girone con una vittoria e poi vedere che cosa accade”. Archiviato il ko, il quarto consecutivo tra campionato e coppa, i biancoblu sono attesi domenica 9 febbraio sul parquet di casa per il confronto contro Trieste. Per l’ultima giornata di Eurocup nella Top 16, invece, si tornerà sul parquet il 3 marzo alle 20,30 nella sfida casalinga contro l’Umana Reyer Venezia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.