Basket, Brescia perde a Trento. E’ il terzo stop consecutivo

In Trentino finisce 63-56 per i padroni di casa. Alla fine Trento è stata più precisa. Mercoledì Brescia a Patrasso.

(red.) DOLOMITI ENERGIA TRENTINO-GERMANI BASKET BRESCIA 63-56 (19-15, 33-33, 48-45)

Dolomiti Energia Trentino: Kelly 14 (6/10), Blackmon 10 (3/6, 1/2), Craft 10 (5/6), Gentile 10 (3/11, 1/3), Pascolo 4 (2/5), Mian 6, Forray 5 (1/4, 1/4), Knox 10 (2/4, 1/2), Mezzanotte ne, Voltolini ne, Ladurner ne, Lechthaler ne. All. Brienza.
Germani Basket Brescia: Zerini, Warner 2 (0/1), Trice 6 (0/3, 2/6), Abass 11 (1/6, 2/6), Cain 10 (5/8), Laquintana 10 (4/7, 0/1), Lansdowne 7 (2/5, 1/3), Veronesi ne, Guariglia ne, Horton 2 (1/2, 0/4), Sacchetti 8 (1/1, 2/3). All. Esposito.
Arbitri: Lo Guzzo, Grigioni e Dori.
Note: Tiri da 2 Trento 22/47 (47%) – Brescia 14/39 (36%). Tiri da 3 Trento 4/12 (33%) – Brescia 7/23 (30%). Tiri liberi Trento 7/13 (54%) – Brescia 7/10 (70%). Rimbalzi Trento 44 (29 RD, 15 RO) – Brescia 38 (24 RD, 14 RO).

Terza sconfitta consecutiva, tra campionato ed Eurocup, per la Germani Basket Brescia che ieri, domenica 2 febbraio, ha perso anche sul parquet della Dolomiti Energia Trentino con il risultato di 63-56. Brescia sicuramente paga le assenze di Moss che era già stata messa in preventivo, ma anche quella di Luca Vitali per un attacco influenzale. Nonostante la sconfitta, la Germani resta al terzo posto appaiata in classifica all’Olimpia Milano. Quintetto inedito per Brescia che mette in cabina di regia Travis Trice. Le due squadre lottano e la Germani è costretta a incassare un netto passivo a rimbalzo. I ripetuti rimbalzi offensivi catturati dai bianconeri nei primi minuti del match permettono loro di restare agganciati ai biancoblu.

Ma poi Trento prende qualche punto di vantaggio alla fine del primo periodo e Brescia contro sorpassa in avvio di secondo quarto. E Laquintana porta sulla parità al 33-33 all’intervallo lungo. Brescia esce bene dal terzo quarto, anche se Abass (top scorer con 11 punti, di cui 10 messi a segno nel primo tempo) non replica quanto mostrato nella prima frazione di gioco. Qualche errore di troppo in contropiede impedisce alla Leonessa di conquistare un vantaggio consistente e il finale di partita viene vinto da Trento in volata. Trento si mostra più concentrata e attenta nei possessi decisivi che le regalano quel successo casalingo che mancava da fine dicembre. Brescia, invece, può recriminare per un finale di partita giocato sottotono, nel quale i giocatori non sono stati in grado di pareggiare la fisicità degli avversari.

“Complimenti a Trento, perché nei momenti importanti della partita ha commesso meno errori di noi e ha gestito meglio gli ultimi possessi. Abbiamo giocato una partita dura, onesta, con voglia di vincere, però credo che i nostri avversari abbiano gestito meglio i possessi importanti, soprattutto verso la fine di ciascun quarto – ha commentato coach Vincenzo Esposito a fine partita.- Sono contento dell’atteggiamento difensivo della mia squadra, mentre in attacco siamo un po’ indietro.

Nonostante il risultato, sono soddisfatto della maniera in cui abbiamo giocato la gara, che è stata tosta e gagliarda. Speriamo di recuperare al più presto gli acciaccati, perché con tante assenze le energie iniziano a scarseggiare. Infine, dobbiamo certamente inserire meglio Trice, che al momento fatica a leggere e capire determinate situazioni di gioco”. Ora per la Germani è tempo di tornare in Eurocup, con l’impegno di mercoledì sera 5 febbraio sul parquet greco di Patrasso verso la qualificazione ai quarti di finale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.