Quantcast

Bella prova della Germani che sconfigge Pesaro 101-74

Brescia si regala una giornata bella e vincente contro l’incerottata Carpegna Prosciutto. Sesta vittoria in campionato.

(red.) Vittoria doveva essere, vittoria è stata: la Germani Basket Brescia si regala una giornata bella e vincente contro l’incerottata Carpegna Prosciutto Pesaro, che al di là della propria situazione di classifica paga a carissimo prezzo le rotazioni ridotte con cui è arrivata in Lombardia, complici gli infortuni di Chapman, Totè e Miaschi. Concentrata e decisa, Brescia approfitta delle condizioni degli avversari ma, soprattutto, torna a giocare con grande energia, seguendo i dettami del proprio coach.

Il 101-74 con cui termina il match, racconta con esattezza le vicissitudini di una gara condotta dalla Germani dal primo all’ultimo minuto, condita da sei giocatori in doppia cifra per punti segnati (Cain con 18 punti e 8/9 al tiro è il top scorer di giornata) e uno per assist messi a referto (Luca Vitali con 10 palloni vincenti regalati ai compagni). Numeri che valgono la vittoria in campionato numero 6 e che regalano alla Leonessa un’altra settimana da trascorrere nelle posizioni più nobili della classifica.

 

I 101 punti messi a segno, il 40-26 a rimbalzo, il 25-11 alla voce assist e il 137-66 nella casella della valutazione rendono bene l’idea di come si andata la gara del PalaLeonessa A2A. Al di là delle cifre, Brescia mostra sin dalle prime battute la faccia giusta, desiderosa di mettersi alle spalle le ultime due sconfitte consecutive e di chiudere immediatamente la striscia negativa.

Horton (13 punti alla sirena finale) è il primo grimaldello che la Germani utilizza per scardinare la difesa degli avversari, che trovano grande sostanza solamente da Pusica (25 punti). Poi tocca a Cain salire in cattedra, sfruttando il dominio della propria squadra sotto le plance. Vitali sforna assist a ripetizione, Lansdowne (14 punti) entra presto in ritmo e piano piano il gap si allarga inesorabilmente.

Ad Abass (16 punti), Laquintana (10) e Warner (11, con l’incredibile tripla finale da centrocampo) resta solo il compito di rifinire il punteggio, fissando sul +27 il divario finale con gli avversari, che nel corso della partita era stato anche superiore ai 30 punti. Minuti importanti anche per Guariglia e Dalcò, che tengono bene il campo in un’esperienza che tornerà utile nel prossimo futuro.

Con sei vittorie all’attivo nelle prime dieci giornate, Brescia si mantiene nelle zone più alte della classifica. Altro che cambio di passo: la Germani ha il dovere di… restare proprio così e mantenere quanto di buono fatto finora, continuando a prepararsi al meglio per le prossime sfide, a cominciare da quella di Sassari, in programma domenica prossima al PalaSerradimigni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.