Quantcast

Basket, prima vittoria del Brescia nel PalaLeonessa

74-53 contro Pesaro e stasera la finale del terzo trofeo Ferrari contro Varese. Grande esordio per il nuovo impianto che rappresenta la casa per la squadra.

(red.) GERMANI BASKET BRESCIA-VICTORIA LIBERTAS PESARO 74-53 (24-11, 41-21, 56-37)

Germani Basket Brescia: Allen 9 (1/4, 2/6), Hamilton 3 (0/4, 1/5), Ceron 8 (1/3, 1/5), Abass 10 (3/5, 1/5), Vitali 3 (0/0, 1/2), Laquintana 4 (1/3, 0/1), Caroli, Mika 12 (5/8, 0/0), Beverly 4 (2/4, 0/0), Zerini 2 (1/3, 0/4), Moss 19 (3/4, 3/3). All. Diana.

Victoria Libertas Pesaro: Blackmon 21 (2/4, 5/12), McCree 12 (0/7, 3/4), Artis 0 (0/10), Murray 2 (1/4, 0/1), Conti 2 (1/1, 0/1), Ancellotti 2 (1/3, 0/1), Monaldi 2 (1/3, 0/1), Zanotti 10 (2/4, 2/4), Mockevicius 2 (1/2, 0/1). All. Galli.
Arbitri: Chersicla, Martellosio, Dori.
Note: Tiri da 2: Brescia 17/38 (45%), Pesaro 9/37 (24%) – Tiri da 3: Brescia 9/31 (29%), Pesaro 10/26 (38%) – Tiri liberi: Brescia 13/18 (72%), Pesaro 5/8 (62%) – Rimbalzi: Brescia 45 (32 RD, 13 RO), Pesaro 40 (40 RD, 10 RO).

Ieri sera, venerdì 21 settembre, la Germani Basket Brescia ha inaugurato con una vittoria la sua nuova casa, il PalaLeonessa, nella terza edizione del Trofeo Roberto Ferrari. I giocatori di coach Andrea Diana si impongono con il risultato di 74-53 sulla Victoria Libertas Pesaro ed accedono alla finale di stasera alle 20,45 nella quale sfideranno l’Openjobmetis Varese. Una partita condotta dall’inizio alla fine dalla Germani, che prosegue nella propria marcia di avvicinamento alla stagione, forte del rientro dei giocatori fino alla scorsa settimana impegnati con la nazionale italiana. È proprio uno di loro, Awudu Abass, a segnare il primo canestro della Leonessa nel nuovo impianto, una tripla dall’angolo che dà il via a un primo quarto chiuso sul punteggio di 24-11 in favore dei biancoblu. Il parziale aperto prosegue anche nella seconda frazione con Mika e Allen, autore di due triple consecutive sul finire del quarto, protagonisti del 41-21 con il quale la Leonessa torna negli spogliatoi.

La Germani amministra il vantaggio anche nella seconda metà di partita, dimostrando un discreto gioco corale e un David Moss in eccellente spolvero, top scorer della Leonessa con 19 punti (3/4 da due e 3/3 da tre) e 5 rimbalzi all’ultima sirena. Una buona prima volta della Germani nel nuovo PalaLeonessa, inaugurato nel miglior modo possibile, ovvero con una vittoria. “Le tante difficoltà degli ultimi giorni sono state superate dalla gioia di vedere questo palazzo pieno di gente. Questa è una struttura che ha vissuto i momenti d’oro della pallacanestro bresciana e rivivere queste emozioni è stato toccante. Ringrazio tutti coloro – ha detto la presidente Graziella Bragaglio – che hanno lavorato in questa struttura, soprattutto negli ultimi giorni.

Ci godiamo questo momento, la squadra ha fatto vedere qualcosa di importante e ci gusteremo la finale del Trofeo Ferrari.cercando di creare emozioni sempre più forti e diventare sempre più grandi per avere un futuro sempre più luminoso”. “È stata una serata emozionante, ho vissuto tanti momenti che porterò a lungo nel cuore. Ho ricevuto tanti messaggi, ho visto qualcuno dei nostri Ambassador che piangevano, ringraziandomi a lungo. Stiamo facendo qualcosa di davvero importante – ha aggiunto il patron Matteo Bonetti – vivendo emozioni forti. Ritornare qui è una gioia, anche se abbiamo vissuto giornate molto intense. E poi è bello anche riprendere a vincere”.

“Quella di oggi è una giornata da dedicare ai bresciani, che hanno aspettato questi momenti per tanti anni. Ci tengo a ringraziare a chi si è adoperato tanto per far sì che questa struttura arrivasse a compimento. La partita rispecchia un po’ il nostro modo di essere in questo momento – ha detto coach Diana.- la squadra mi ha colpito positivamente, mostrando i passi in avanti che abbiamo fatto soprattutto dal punto di vista della fisicità. Abbiamo mostrato una buona consistenza difensiva: dobbiamo crescere a livello mentale, soprattutto per affrontare al meglio i momenti di difficoltà”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.