Basket playoff: Germani Brescia perde gara due con Sassari 85-91

Più informazioni su

Brescia. Una Germani apparsa troppo a lungo distratta ed evanescente in attacco ha perso in casa per 85-91 gara 2 dei playoff di serie A1 di basket contro una Sassari apparsa più solida e determinata. La serie adesso è 1-1 con i sardi che sono riusciti ad annullare il vantaggio di campo dei bresciani e ora riportano l’incontro sull’isola: gara 3 venerdì alle ore 20.45 e gara 4 domenica sera.
I padroni di casa hanno dominato il primo quarto, perdendo poi tutti gli altri tre (ma andando ancora all’intervallo lungo con 4 punti di vantaggio: 45-41) e subendo nel terzo periodo (di solito il nostro periodo, che però stavolta si è concluso 26-12 a favore della Dinamo) un parziale di 11-0.
Da questo svantaggio i bresciani non si sono più ripresi se non al termine dell’ultimo quarto, quando il risveglio di Naz Mitrou-Long, che ha messo a segno 8 punti consecutivi su un parziale di 10-1, ha riportato la Germani a meno 2. Purtroppo però sarebbe servita più pazienza e non c’era più tempo: in pochi secondi la partita è volata via.
Brescia ha fatto fatica in attacco e non ha trovato la chiave per difendere come sa. Così Sassari ha mandato ben sei dei suoi giocatori in doppia cifra: Bendzius ne ha fatti 16 dopo l’opaca gara 1, Robinson e Logan ne hanno messi 15 a testa, Burnell 13 con 7 rimbalzi e cinque assist, seppur gravato troppo presto da due falli Bilan ne ha segnati 14, mentre Diop ne ha fatti 11 con 8 rimbalzi.
Dalla nostra parte Mitrou-Long ha messo a segno 27 punti con 6 assist e 6 falli subiti e Petrucelli 19 con 2 palle rubate e 3 assist. E gli altri? Gabriel 12; Della Valle 10, ma dopo un grande primo quarto nel quale ha segnato 9 dei suoi punti, pesa l’1 su 6 da tre; Brown 8, però entrando anche stavolta troppo tardi in partita. Dal resto della truppa sono arrivate solo briciole.
Un solo cenno all’arbitraggio. Pur riconoscendo che si tratta del mestiere più difficile del mondo e dando per scontata la buona fede dei fischietti, abbiamo trovato certe decisioni incomprensibili. E siamo convinti che alcune di queste scelte abbiano aiutato gli ospiti a restare in partita e poi a prendere il largo nel terzo periodo, dopo essere andati per la prima volta in vantaggio.

“Sassari è stata più solida e continua da noi”, ha detto coach Alessandro Magro al termine. “Dovevamo gestire meglio le fasi offensive perché abbiamo sprecato molto, potevamo chiudere il primo tempo con un vantaggio più alto, ma abbiamo fatto tremendamente fatica a trovare la via del canestro. Se tiri con 29/71 dal campo è difficile vincere una partita di playoff in un quarto di finale. Ero abbastanza contento dopo Gara 1, ma stasera ci sono state cose che non possiamo concedere se vogliamo conquistare la serie: siamo convinti che possiamo vincere a Sassari perché abbiamo fatto errori che non vogliamo ripetere. Le cose da novembre sono andate anche fin troppo bene fino ad ora, questo è un colpo che la squadra deve essere pronta ad assorbire e si gioca tra 48 ore. Vogliamo andare in Sardegna a ribaltare il risultato”.

Germani Brescia-Banco di Sardegna Sassari 85-91 (24-15, 45-41, 57-67)
Germani Brescia: Brown 8 (4/8, 0/1), Gabriel 12 (1/1, 3/7), Moore 4 (1/1), Mitrou-Long 27 (5/11, 4/10), Mobio ne, Petrucelli 19 (4/4, 3/6), Della Valle 10 (1/3, 1/6), Eboua ne, Parrillo, Cobbins 3 (1/3), Burns, Laquintana 2 (1/4, 0/2). All: Magro
Banco di Sardegna Sassari: Pitirra ne, Bilan 14 (3/4, 0/1), Logan 15 (3/7, 2/6), Robinson 15 (2/6, 3/5), Kruslin 2 (1/1, 0/3), Gandini ne, Devecchi, Treier, Burnell 13 (5/7, 0/2), Bendzius 16 (4/6, 1/3), Gentile 5 (0/2, 1/1), Diop 11 (5/7). All: Bucchi
Arbitri: Lanzarini, Giovannetti e Quarta.
Note: Tiri da due: Brescia 18/38 (47%), Sassari 23/41 (56%); Tiri da tre: Brescia 11/33 (33%), Sassari 7/22 (32%); Tiri liberi: Brescia 16/24 (67%), Sassari 24/31 (77%); Rimbalzi: Brescia 37 (RD 25, RO 12), Sassari 41 (RD 31, RO 10)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.