Quantcast

La GimondiBike 2021 va a Diego Arias Cuervo e Silvia Scipioni

La ventesima edizione della gara internazionale Mtb di Iseo è stata caratterizzata nella parte iniziale dalla pioggia che ha reso il percorso fangoso e ancora più impegnativo e spettacolare.

Più informazioni su

Gimondi Bike 2021 foto Quaranta

(red.) Sono il colombiano Diego Arias Cuervo (Giant Polimedical Official Team) e l’aretina Silvia Scipioni (Cicli Taddei) i vincitori della ventesima edizione della GimondiBike Internazionale Banca Mediolanum. La competizione si è svolta su un percorso di 53,5 km con 1.100 metri di dislivello. Dopo l’anno di stop forzato a causa della pandemia questa domenica 26 settembre Iseo e la Franciacorta sono tornati ad accogliere centinaia di appassionati e campioni della Mtb per una delle sfide più attese della stagione. La pioggia ha accompagnato le prime fasi di gara rendendo ancora più spettacolare la gara dei 750 biker iscritti. Sulla linea di partenza anche la figlia di Felice Gimondi, Norma, in rappresentanza anche della Federciclismo con il suo nuovo ruolo di vicepresidente.

Gimondi Bike 2021

La corsa è entrata subito nel vivo con ritmo sostenutissimo e grande selezione. Davanti si è formato un sestetto con i principali favoriti della vigilia: il colombiano Diego Arias Cuervo (Giant Polimedical), Juri Ragnoli (Scott Racing Team), Cristian Cominelli (Scott Racing Team), Johnny Cattaneo (Wilier 7 Force), Jakob Dorigoni (Torpado-Sudtirol MTB Pro Team), e Nicholas Pettinà (Cs Carabinieri). Quest’ultimo poi ha perso contatto dal drappello di testa, ma è rientrato in seconda battuta l’ex professionista su strada Francesco Casagrande (Cicli Taddei). Le carte si sono rimescolate nel finale con il rientro di altri atleti, tanto che sono stati in quindici a presentarsi in testa all’inizio della decisiva scalata alla Madonna del Corno.

Gimondi Bike 2021 foto Quaranta

La salita ha fatto selezione e nell’ultimo tratto sono rimasti in quattro a condurre: Arias Cuervo, Pettinà, Casagrande e Dorigoni. Il colombiano è stato il migliore nella scalata e ha scollinato con una decina di secondi di vantaggio su Pettinà, mentre a 15 secondi inseguiva Casagrande. Nella discesa Arias Cuervo ha amministrato il suo vantaggio riuscendo ad arrivare tutto solo, a braccia alzate, a festeggiare la vittoria sul traguardo di Iseo. Alle sue spalle il veterano Francesco Casagrande, secondo, e Juri Ragnoli, terzo. Quest’ultimo è stato premiato anche come miglior bresciano della corsa e si è aggiudicato il primo posto al traguardo intermedio Premio “Franciacorta Metà Percorso”.

Gimondi Bike 2021 foto Quaranta

Nella prova femminile fin dall’inizio sono emerse tre atlete che hanno a lungo condotto la gara: Silvia Scipioni (Cicli Taddei), Marika Tovo (KTM – Protec – Elettrosystem) e Chiara Burato (Omap Cicli Andreis). Sono rimaste poi solo Scipioni e Burato fino all’affondo decisivo della toscana che è riuscita a tagliare per prima e in perfetta solitudine il traguardo. Secondo posto per Chiara Burato, mentre al terzo posto ha concluso Martina Guerrera (MTB Increa Brugherio).

Gimondibike 2021 arrivo Arias Cuervo

Classifica maschile assoluta

1 Diego Alfonso Arias Cuervo (Giant Plomedical Official Team) 02:06:07
2 Francesco Casagrande (Cicli Taddei) 02:06:15
3 Juri Ragnoli (Scott Racing Team) 02:06:27
4 Jakob Dorigoni (Torpado-Sudtirol MTB Pro Team) 02:06:27
5 Nicholas Pettinà (Cs Carabinieri) 02:06:35
6 Cristian Cominelli (Scott Racing Team) 02:07:17
7 Samuele Porro (Team Trek-Pirelli) 02:07:33
8 Johnny Cattaneo (Wilier 7C Force) 02:08:03
9 Dario Cherchi (KTM Brenta Brakes) 02:08:05
10 Roberto Baccanelli (Cicli Olympia) 02:08:05

Gimondi Bike 2021 foto Quaranta

Classifica femminile assoluta

1 Silvia Scipioni (Cicli Taddei) 2:26:20
2 Chiara Burato (Omap Cicli Andreis) 02:28:19
3 Martina Guerrera (MTB Increa Brugherio) 02:45:05
4 Nicoletta Bresciani (Scott Racing Team) 02:47:08
5 Camilla De Pieri (Cicli Lucchini) 02:53:01

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.