Quantcast

Lonato, la Trap Concaverde a Luca Bondi

La Grande Maratona a 150 piattelli, che è tornata a svolgersi nel bresciano, ha visto trionfare l'alfiere reggiano del Tav Accademia.

(red.) Ha fatto ritorno al Trap Concaverde di Lonato del Garda (Brescia), dopo la pausa forzata dello scorso anno, la Grande Maratona a 150 piattelli.
Ad aggiudicarsela, sotto il solleone di Ferragosto, è stato il modenese di Formigine Luca Bondi, che ha terminato la gara con il punteggio di 145/150.

L’alfiere del Tav Accademia, grazie alle ultime tre serie chiuse a punteggio pieno, ha sorpassato e preceduto di un piattello il giovane Federico De Micheli (144/150), astro nascente delle Frecce verde-oro del Concaverde e tra i probabili convocati della squadra lonatese per la Coppa dei Campioni del prossimo 5 settembre. Terzo, a due piattelli dalla vetta, il veneto Francesco Pasin, con 143/150.

“Mi sentivo in ottima forma anche se, con questo caldo, non è stato facile realizzare un simile risultato”, ha dichiarato nel post gara il vincitore, che già nel 2017 si era aggiudicato la competizione. “Non mi aspettavo di vincere, ma le ultime tre serie mi hanno permesso di fare il bis in questa bella competizione”.

I primi tre classificati sono stati i migliori anche delle rispettive categorie: Francesco Pasin (143/150) per l’Eccellenza, Luca Bondi (145/150) per la 1^ Categoria e Federico De Micheli (144/150) per la 2^ Categoria, mentre Mauro De Crema (135/150) è stato il migliore della 3^ Categoria.
Passando alle qualifiche, i tiratori con il punteggio più alto sono stati: Paolo Bertoni (135/150) tra i veterani; Giuseppe Bresciani (137/150) tra i Master; Tiziana Antonioli (135/150) per le Lady; Matteo Belloi (142/150) per gli Junior e Giambattista Verzeroli (127/150) tra i paratleti.

“Sono contento di avere reinserito la Maratona dopo lo stop dell’anno scorso dovuto alla pandemia”, ha dichiarato Ivan Carella, presidente del Trap Concaverde, “e di aver dato un seguito a questa gara tradizionale, ideata e voluta da mio zio Bruno, uno dei fondatori della nostra società, a un anno dal Quarantesimo anniversario di questa struttura. Ringrazio i 120 tiratori che hanno trascorso con noi questa giornata di festa e mi complimento per i risultati ottenuti in una delle gare più difficili e affascinanti del nostro circuito”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.