Quantcast

Tokyo, Jacobs trascina la staffetta azzurra in finale

Con il tempo di 37'95 (nuovo record italiano) il quartetto azzurro si piazza alle spalle di Canada e Cina. Clamorosa eliminazione degli Usa. Venerdì la gara per la medaglia.

(red.) Lo aveva promesso e ce l’ha fatta. Marcell Jacobs, il trionfatore dei 100 metri piani alle Olimpiadi di Tokyo, ha trascinato la staffetta azzurra 4×100 in finale.
Alle 4,30 ora italiana il quartetto tricolore composto da Marcell Jacobs, Filippo Tortu, Fausto Desalu e Lorenzo Patta ha conquistato la finale (in programma venerdì alle 15,50 italiane) con un brillante terzo posto  ottenuto in 37’95 dietro a Canada e Cina. Un tempo, quello segnato dagli atleti azzurri che è nuovo record italiano, quarta prestazione europea all-time e quarto tempo complessivo di giornata.
“E fantastico raggiungere un’altra finale”, ha detto il velocista bresciano,  “domani io e i compagni daremo il massimo”.

“Ho fatto un po’ fatica”, ha ammesso Jacobs, “le condizioni ambientali, con questo caldo, non sono facili. Ma ancora una volta abbiamo dimostrato un grande spirito di squadra. La medaglia? Dormiamo insieme, la guardo, la ammiro. Invece le polemiche non mi toccano, non replico perché non voglio dare importanza a chi muove certe critiche. I miei risultati sono il frutto di anni di duro lavoro”.
Una sorpresa arriva dagli Stati Uniti, dati per favoriti e invece arrivati sesti in qualifica e quindi clamorosamente eliminati (38”10), con  Carl Lewis che subito ha postato un tweet: “Inaccettabile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.