Quantcast

Olimpiadi, Vanessa Ferrari splende nel corpo libero

La campionessa di Orzinuovi, capitana della squadra femminile, si è piazzata al primo posto nella classifica parziale della sua specialità, trascinando in alto anche le compagne.

(red.) La nazionale  italiana di ginnastica artistica femminile si mette in luce nella prima suddivisione delle qualificazioni alle Olimpiadi di Tokyo 2021 chiudendo la prima fase delle qualificazioni al comando e riuscendo a fare meglio del Giappone padrone di casa. Le ragazze del DT Enrico Casella possono seriamente puntare alla qualificazione per la finale a squadre.
La trascinatrice è stata la campionessa bresciana Vanessa Ferrari, capitana, che si è sacrificata per la squadra (ha sostituito l’infortunata Giorgia Villa) e ha offerto un saggio di classe altissima nella prova di corpo libero. A 30 anni e alla sua quarta partecipazione alle Olimpiadi, Vanessa ha incantato e ora può puntare a una medaglia. Sulle note di “Con te partirò”, l’atleta di Orzinuovi ha regalato quattro diagonali acrobatiche magistrali ottenendo un eccezionale 14.166 (5.9 il D Score), piazzandosi in testa alla classifica di specialità, conquistando un posto per la finale e confermando di essere in un stato di forma impeccabile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.