Per lo sci bisogna aspettare ancora (almeno fino al 5 marzo)

il ministro Speranza ha firmato l'ordinanza che dice no all'apertura degli impianti prevista per lunedì. Preoccupano le varianti al coronavirus

(red.) Il ministro della Salute Roberto Speranza ha decretato un nuovo stop all’apertura degli impianti sciistici fino al prossimo 5 marzo, quando scadrà il Dpcm di gennaio. Preoccupano le varianti al coronavirus, ha detto per spiegare la sua decisione, arrivata anche su sollecitazione  e consiglio dei suoi consulenti: sia Walter Ricciardi sia il Cts avevano lanciato l’allarme dicendosi contrari alla riapertura.

La linea dura è stata espressa chiaramente da Ricciardi, secondo il quale è “urgente cambiare subito la strategia di contrasto al virus SarsCov2: è necessario un lockdown totale in tutta Italia immediato, che preveda anche la chiusura delle scuole facendo salve le attività essenziali, ma di durata limitata”. Inoltre “va potenziato il tracciamento e rafforzata la campagna vaccinale”.

Nel tardo pomeriggio di domenica 14, quindi, Speranza ha firmato l’ordinanza dopo una riunione al ministero: la riapertura era prevista per lunedì 15 febbraio e la scelta del ministro ha scatenato la rabbia degli operatori del turismo invernale e dei sindaci dei comuni di montagna.

“Grave. Anzi, gravissima e inaccettabile”, ha commentato la decisione Viviana Beccalossi, consigliere regionale bresciana (Gruppo Misto) e presidente dell’associazione ‘RifareItalia’. “Quello che più amareggia è il disprezzo che viene riservato a tutti gli operatori settore. A meno di 24 ore dalla riapertura degli impianti, viene comunicata una decisione comunque discutibile. Un calcio negli stinchi a tutti coloro che vivono in questo comparto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.