Quantcast

Germani, contro Venezia il secondo successo di coach Buscaglia

Veneti battuti 71-69 al Palaleonessa, con una buona prestazione di squadra. E sono due le vittorie consecutive in campionato.

Più informazioni su

(red.) Vista così, per il momento non sembra molto migliorata la Germani Brescia di coach Buscaglia da quella dell’ex coach Esposito. E forse, guardando solo come gioca, non lo è. Ci sono problemi legati alle debolezze nel reparto lunghi, a certe incertezze in regia, alle fasi altalenanti e, secondo noi, anche alla mancanza in campo di una leadership riconosciuta.
La differenza però c’è ed è ben rappresentata dalle due vittorie consecutive su due partite giocate dal nuovo corso in campionato. E poiché, come si usa dire, il campo non mente, portiamo a casa questa bella verità.

Domenica pomeriggio, tra le mura amiche del PalaLeonessa, Brescia ha sconfitto 71-69 anche il fantasma della corazzata Reyer Venezia, presentatasi a digiuno da mesi e priva di Watt. Dalla loro i bresciani hanno messo più intensità, spirito di gruppo e determinazione: partiti bene, hanno lottato fino all’ultimo e senza esclusione di colpi anche quando nel quarto periodo sembrava essere sceso il buio e i 26 falli fischiati ai nostri contro i 16 dei veneti cominciavano a farsi sentire.

Poi, se vinci nel punteggio, che importa se hai perso clamorosamente la battaglia dei rimbalzi (27-44) e se hai sparato da tre con percentuali bassissime (22,7%)? Alla fine nello score (ma non nelle percentuali di tiro) tra i bresciani si sono messi in luce Chery con 13 punti e Crawford con 12. In doppia cifra anche Ristic con 10. Segnaliamo anche, a lustro dei ragazzi di coach Buscaglia, i 17 assit dei padroni di casa e le 16 palle perse dalla squadra ospite. Venezia è stata tenuta a galla soprattutto dalla sua stella Daye (22), peraltro alle prese con una stagione molto tribolata e a fasi alterne.

Germani Brescia-Umana Reyer Venezia 71-69 (23-12, 38-35, 59-47)
Germani Brescia: Cline 6 (3/10), Vitali 6 (3/4), Parrillo 3 (1/1 da tre), Chery 13 (4/6, 1/7), Bortolani 2 (1/1), Ristic 10 (4/10), Crawford 12 (4/6, 1/4), Burns 5 (1/3), Kalinoski 9 (3/4, 1/4), Moss 5 (1/2, 1/3), Sacchetti (ne), Ancellotti (ne). All: Buscaglia.
Umana Reyer Venezia: Casarin, Stone 3 (1/5 da tre), Bramos 4 (1/1), Tonut 4 (2/2), Daye 22 (4/9, 3/4), De Nicolao 11 (3/7 da tre), Vidmar 5 (2/2), Chappell 10 (2/5, 1/3), D’Ercole (ne), Biancotto (ne), Fotu 10 (3/4), Bellato (ne). All: De Raffaele.
Arbitri: Paternicò, Paglialunga e Noce.
Note: Tiri da 2: Brescia 24/47 (51%), Venezia 14/27 (52%); Tiri da tre: Brescia 5/22 (23%), Venezia 8/26 (31%), Tiri liberi: Brescia 8/11 (73%), Venezia 17/26 (65%); Rimbalzi: Brescia 27 (21 RD, 6 RO), Venezia 44 (32 RD, 12 RO.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.