Serie B, il Brescia perde 3-0 a Cittadella. E Cellino tuona sul mercato

Tris dei veneti nella ripresa e il Brescia in coda a un punto. Il patron Cellino sbotta: "Pronto a regalare il Brescia".

(red.) CITTADELLA-BRESCIA 3-0

CITTADELLA: Maniero, Ghiringhelli, Adorni, Frare, D. Donnarumma (37′ st Benedetti), Vita (46′ st Tavernelli), Pavan, Branca (36′ st Rosafio), D’Urso (28′ st Iori), Tsadjout (36′ st Gargiulo), Ognuseye.
All. Venturato.
BRESCIA: Joronen, Mateju, Chancellor, Spalek (18′ st Skrabb), Zmrhal (14′ st Ragusa), A. Donnarumma, Mangraviti, Aye, Labojko (39′ st Viviani), Martella, Dessena (14′ st Van de Looi). All. Delneri.
Arbitro: Marchetti di Ostia Lido.
Reti: 13′ st D’Urso, 29′ st Tsadjout, 50′ st Gargiulo.
Note: ammonito Tavernelli. Angoli: 4-2. Recupero: 0′ e 6′.

Brutta sconfitta ieri sera, domenica 4 ottobre, per il Brescia Calcio impegnato nella seconda giornata del campionato di serie B in trasferta sul campo del Cittadella. Dopo il punto ottenuto in casa al Rigamonti nella prima giornata contro l’Ascoli, ieri sera le rondinelle sono andate incontro a una disfatta. Nel primo tempo il match resta sullo 0-0, ma i padovani incidono e vanno a segno tre volte nella ripresa. Al quarto d’ora sblocca D’Urso e alla mezzora Tsadjout raddoppia. Infine, al 90′ è Gargiulo a siglare il tris che chiude i giochi.

“Abbiamo sbagliato troppo in uscita e purtroppo loro ne hanno approfittato. Forse il risultato è troppo pesante, ma possiamo sicuramente migliorare in alcune cose – ha commentato l’allenatore del Brescia Luigi Delneri a fine partita – nel primo tempo abbiamo prodotto qualcosa di buono poi siamo calati. Mercato? Ha influito, però sono concentrato su chi abbiamo e già recuperare Sabelli e Torregrossa è ottimo. Da mercoledì avrò tutti a disposizione e potremo lavorare bene e con fiducia al futuro”.

Ma l’attacco più duro è stato sferrato dal presidente Massimo Cellino poche ore prima della partita e ai microfoni di “Novantesimo minuto” parlando proprio del mercato che chiude solo oggi, lunedì 5 ottobre. Tanto che il patron dice di essere stato “minacciato” da alcuni dei suoi giocatori per chiedere di essere ceduti perché depressi. E dice di essere stanco e pronto addirittura a regalare il Brescia. In questo clima, dopo la pausa per le nazionali, venerdì 16 ottobre al Rigamonti con inizio alle 21 arriva il Lecce.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.