Cede anche la GimondiBike Internazionale: tutto rinviato al 2021

Le cause legate al covid: “Il nostro è uno sport fatto di passione, contatto, condivisione e si fonda anche sul calore dei tifosi".

Più informazioni su

(red.) Hanno atteso fino all’ultimo Beppe Manenti e il suo staff della GimaSport, nella speranza di non dover annullare l’edizione numero 20 della GimondiBike Internazionale. Ma la complicata situazione generata dalla pandemia di Coronavirus non ha lasciato altra scelta.
“Abbiamo valutato attentamente la situazione sanitaria, i protocolli di sicurezza e prevenzione emanati dagli organi competenti, considerate le limitazioni imposte e alla fine abbiamo optato per la cancellazione della nostra manifestazione per quest’anno”, ha spiegato Manenti.

Sarebbe venuta meno la natura dell’evento: “Il nostro è uno sport fatto di passione, contatto, condivisione e si fonda anche sul calore dei tifosi. Il distanziamento e le limitazioni di pubblico imposte avrebbero snaturato una giornata che da sempre si fonda su questi elementi e richiama ogni anno migliaia di persone ad Iseo. L’intento della nostra manifestazione è proprio quello di richiamare più gente possibile e promuovere il territorio che la ospita, anche con una serie di iniziative collaterali. Quest’anno non ci sono le condizioni perché questo accada. Il nostro è solo un arrivederci al 2021”, ha concluso Beppe Manenti.
L’evento si sarebbe dovuto svolgere domenica 27 settembre 2020 ad Iseo (Brescia), ma la situazione ancora instabile e le complicanze tecnico-logistico-organizzative e burocratiche hanno fatto optare gli organizzatori per una scelta decisa volta a garantire il prossimo anno una manifestazione ancora degna della sua storia e che possa permettere a tutti di viverla con maggiore serenità.

Il Comitato Organizzatore fa sapere che tutte le iscrizioni già pervenute quest’anno, saranno congelate per l’edizione del 2021 (25 e 26 settembre).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.