Giro d’Italia in ottobre, passaggio tra i più colpiti dal virus?

La competizione spostata al 3-25 ottobre. Con un possibile passaggio tra le aree martoriate dal Covid (anche Brescia).

(red.) Nella giornata di ieri, martedì 5 maggio, l’Unione Ciclistica Internazionale ha dato notizia del nuovo calendario delle gare su due ruote e che potrebbe in qualche modo salvare la stagione sportiva. Una delle massime competizioni è ovviamente il Giro d’Italia che è stato riprogrammato dal 3 al 25 ottobre e con almeno tre tappe da disegnare da zero. Sono quelle ungheresi con le quali si sarebbe dovuta iniziare la competizione e che invece, ovviamente, vengono cancellate.

E visto che il Giro d’Italia di quest’anno segue il periodo della drammatica emergenza da coronavirus c’è chi, come riporta il Giornale di Brescia, vede la possibilità di tappe che possano attraversare i territori del nord più colpiti dalla pandemia. Quindi, tra Piemonte, Lombardia e Veneto, muovendosi tra Bergamo e la Valseriana, Codogno, Brescia e fino a Vò Euganeo. Ma ancora tutto è da stabilire.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.