Quantcast

Basket, Leonessa ingaggia ala Marcus Landry

La Germani ha acquistato il giocatore americano che ha disputato quasi venti partite in Nba. Esperienza europea al servizio della squadra bresciana.

Più informazioni su

(red.) La Germani Basket Brescia ha annunciato l’acquisto di Marcus Landry, ala statunitense di 2,01 metri e che in carriera vanta diciotto partite in Nba con la maglia dei Knicks e Celtics e la militanza in squadre europee come Siviglia e Saragozza. Nel 2015-16 ha indossato la casacca del RETAbet.es GBC di San Sebastian, chiudendo la stagione con 23 gare all’attivo, 14 punti e 4.2 rimbalzi di media a partita. “Sono molto contenta perché un grande giocatore viene a vestire i colori della nostra società – dice la presidente Graziella Bragaglio – Sono sicura che con la maglia della Leonessa Marcus farà grandi cose per i nostri tifosi, dai quali mi aspetto una risposta di grande entusiasmo già in questa fase della campagna abbonamenti”.
“Siamo molto contenti dell’acquisto di un giocatore del calibro di Landry – aggiunge il patron Matteo Bonetti – Abbiamo messo le mani su un’ala forte che ha le qualità per proseguire la tradizione dei grandi numeri 4 che abbiamo avuto a Brescia. È un giocatore di grande esperienza che portiamo alla Leonessa battendo la concorrenza di squadre importanti, anche di calibro internazionale: è il giocatore giusto per la nostra prima avventura in serie A”. “Marcus Landry è il tipo di giocatore che cercavamo sul mercato – commenta l’allenatore Andrea Diana – Ha un’ottima esperienza a livello europeo, è in grado di aprire il campo con il suo ottimo tiro da 3 punti, ma anche di attaccare il ferro e di giocare situazioni in isolamento. È un uomo squadra che conosce bene il gioco, ma soprattutto è una grande persona: siamo molto contenti e orgogliosi di poterlo avere nel nostro roster”.
“Sono davvero entusiasta di entrare a far parte del Basket Brescia Leonessa – le prime parole dello statunitense in veste di giocatore della Germani – Per me è una grande opportunità e un onore lavorare in un club dalla mentalità vincente, che fa dell’unità la chiave per sviluppare il proprio futuro. Sono sicuro che sarà una grande annata e sono davvero felice di poterne prendere parte”. Nato a Milwaukee nel novembre 1985, Landry è un prodotto dell’University of Wisconsin, dove gioca quattro anni superando i 1.000 punti a referto e i 500 rimbalzi ed entrando nelle migliori classifiche di rendimento anche per rimbalzi offensivi e stoppate. Senza essere stato scelto al draft del 2009, a settembre viene firmato dai New York Knicks, che nel febbraio del 2010 lo girano ai Boston Celtics assieme a Nate Robinson nella trade che porta Eddie House, Bill Walker e l’ex bresciano J. R. Giddens nella Grande Mela.
Dopo aver chiuso la stagione in D-League ai Maine Red Claws, nel settembre del 2010 raggiunge il fratello Carl a Sacramento, terminando però la stagione ai Reno Bighorns, squadra della D-League affiliata ai Kings. Nel 2011 inizia la sua carriera europea, prima con il BCM Gravelines in Francia, poi con un contratto a gettone a Manresa, in Spagna. Nel dicembre 2011 firma con i Phoenix Suns, ma viene rilasciato prima dell’inizio della stagione del famoso lockout. Nel luglio del 2012 gioca in Cina con gli Shanghai Sharks, poi a novembre torna a indossare la maglia dei Reno Bighorns, in una stagione che gli vale la convocazione all’All Star Game della D-League.
Selezionato dai Los Angeles Lakers a settembre 2013, Landry gioca alcune partite della pre-season ma a dicembre torna in Europa, firmando un contratto con il Cajasol Siviglia (24 partite, 12.4 punti e 3.4 rimbalzi di media). L’ottimo rendimento con la squadra andalusa gli vale la chiamata del CAI Saragozza, con cui colleziona una stagione da 34 partite, 10.4 punti, 3.8 rimbalzi di media e il decimo posto tra gli stoppatori dell’ACB. Nell’agosto del 2015 corona il sogno di giocare nella sua città natale, ma la sua stagione con i Milwaukee Bucks dura solamente fino a ottobre. Due mesi dopo torna in Spagna, indossando questa volta la maglia del RETAbet.es GBC di San Sebastian.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.