Basket Brescia, esonerato Martelossi

La società ha deciso in autonomia. Sorpreso e amareggiato l'allenatore: "Non me l'aspettavo". Ora si pensa a un volto nuovo.

(red.) Coach Martelossi dice addio alla Centrale del Latte. Ma lo dice suo malgrado.
La scelta è stata presa infatti dalla società, che ha deciso per l’esonero senza consultare l’allenatore. Una scelta che arriva non senza sorpresa, visto che anche quest’anno la squadra è andata vicino alla conquista della promozione in A1. A dire la verità un’avvisaglia la si era già avuta a febbraio, quando, dopo la serie di sconfitte, la presidenza della squadra cittadina di basket si era decisa per il suo esonero lampo. Poi la decisione, presa a caldo, rientrò e Martelossi tornò a sedere sulla panchina del basket Brescia. Ora però la decisione è di quelle definitive.
Sorpreso e amareggiato lo stesso Martelossi che ha appreso la notizia dal suo procuratore.  «Sono allibito dal fatto di non essere stato avvisato personalmente- ha osservato Martelossi-: mi sembra un comportamento ancora più grave di quello di febbraio, visto cheallora si trattava di una decisione presa a caldo, mentre in questo caso c’era tutto il tempo per parlare. Se comunque vorranno incontrarmi, ascolterò le loro ragioni e farò le mie valutazioni».
«È stata una scelta dolorosissima – conviene il patron della Centrale Matteo Bonetti -: abbiamo rinunciato al coach che è arrivato ad un niente dal riportare Brescia in A1, coronando quello che è il nostro sogno. Un sogno che continuiamo a cullare e per realizzare il quale stileremo un nuovo progetto, tenendo ovviamente conto del budget e delle tempistiche dell’Eib». Via Martelossi si pensa già al successore. Qualcuno fa il nome di Dell’Agnello, ma dalla dirigenza negano. «No, lui resta a Pesaro. Aspettatevi un volto nuovo in linea con l’immagine accattivante che vogliamo abbia il nuovo progetto».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.