Quantcast

Martedì 20 Alessandro Sciarroni al Grande in ‘Save the last dance for me’

Martedì 20 luglio, alle 18.00 e alle 20.00 in Salone delle Scenografie (ingresso da via Paganora 19), si terranno due repliche della performance Save the last dance for me, piccolo gioiello coreografico di Alessandro Sciarroni, uno dei più acclamati artisti italiani. Invenzione di Alessandro Sciarroni con Gianmaria Borzillo e Giovanfrancesco Giannini.
Collaborazione artistica Giancarlo Stagni, musica Aurora Bauzà e Pere Jou (Telemann Rec.), abiti Ettore Lombardi, direzione tecnica Valeria Foti, promozione, consiglio, sviluppo Lisa Gilardino, amministrazione, produzione esecutiva Chiara Fava Comunicazione Damien Modolo.
Alessandro Sciarroni è un artista con diversi anni di formazione nel campo delle arti visive e di ricerca teatrale. I suoi lavori, spesso al confine tra i generi, vengono presentati in festival di danza e teatro contemporanei internazionali, musei e gallerie d’arte, così come in spazi non convenzionali. Tra i numerosi riconoscimenti ricevuti, gli viene assegnato nel 2019 il Leone d’Oro alla carriera per la danza.
La performance Save the last dance for me è creata sui passi di un ballo bolognese, chiamato Polka Chinata, ormai quasi totalmente dimenticato. Si tratta di una danza di corteggiamento eseguita in origine da soli uomini e risalente ai primi del ‘900: fisicamente impegnativo, quasi acrobatico, lo spettacolo prevede che i danzatori abbracciati l’un l’altro, girino vorticosamente mentre si piegano sulle ginocchia quasi fino a terra.

Il lavoro nasce in collaborazione con Giancarlo Stagni, un maestro di balli Filuzziani che ha ridato vita all’antica tradizione bolognese della Polka Chinata grazie alla riscoperta e allo studio di alcuni video di documentazione risalenti agli anni ’60. Alessandro Sciarroni scopre questa danza nel dicembre 2018 quando era praticata in Italia solo da 5 persone e decide di lavorare assieme ai danzatori Gianmaria Borzillo e Giovanfrancesco Giannini con l’obiettivo di diffondere e ridare vita a questa tradizione popolare in via d’estinzione.
I biglietti per lo spettacolo (posto unico 15 euro, ridotto 10) sono in vendita alla biglietteria del Teatro Grande e sui siti teatrogrande.it e vivaticket.com.
Anche per questi appuntamenti è previsto il consueto biglietto scontato al 50% per gli studenti; ricordiamo che la Fondazione del Teatro Grande fa parte dei soggetti aderenti ad App18 e Carta Docente.
La biglietteria del Teatro Grande è aperta  dal martedì al venerdì dalle 13.30 alle 19.00 e il sabato dalle 15.30 alle 19.00; chiusura domenica e lunedì e festivi a eccezione dei giorni di spettacolo. Nel giorno dello spettacolo la biglietteria sarà aperta fino all’inizio dell’evento. L’ingresso al Salone delle Scenografie si effettua da via Paganora 19.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.