Quantcast

A Masterchef il cuoco del Miramonti l’Altro

Philippe Léveillé, gettonatissimo chef del ristorante valtriumplino, il 6 febbraio affiancherà Cracco e Barbieri nel giudicare le ricette dei concorrenti del cooking show.

(red.) D’accordo, è nato in Bretagna e dal nome non si direbbe, però Philippe Léveillé è bresciano doc. Nostrano e allo stesso tempo chic come la cucina che si assaggia al suo stellatissimo Miramonti l’Altro di Concesio. Lo chef franco-valtriumplino farà parte del cast di “Masterchef”, il premiato talent-show di cucina in onda su Sky.
Nato a Nantes nel 1963, Philippe Léveillé ha frequentato l’alberghiero di Saomure prima di avviare una girandola internazionale di prestigiose peregrinazioni (spezzate solo dal servizio umanitario nazionale prestato in Somalia, Etiopia e Yemen per la croce rossa nel biennio 1981-82). Dall’esordio parigino presso l’Hotel Winsor Clovis, è passato all’Hotel Helton Kennedy di New York, al ristorante Boucairre Meridiane in Martinica, fino al Vis Palace Grand Corniche a Montecarlo. Il cuoco volante non pensa certo di poggiare la toque quando il vento lo spinge alle Maschere di Iseo, dal 1987 al 1991. Dopo un anno all’antico ristorante Ponte di Briolo, invece, il 25 ottobre 1992 approda al Miramonti di Caino presso la famiglia Piscini, che nel 1994 seguirà nella nuova e definitiva stazione del Miramonti l’Altro: fine corsa a Concesio. Una “brescianità” la sua che diventa ancor più tangibile dopo il matrimonio con una donna di Brescia.
Il cuoco, per la sola puntata del 6 febbraio, affiancherà gli ormai celebri Cracco e Barbieri (che peraltro Philippe ammette di conoscere da più di 20 anni) in qualità di giudice che dovrà assaggiare e commentare i piatti dei concorrenti che parteciperanno al cooking show. Durante la trasmissione i partecipanti dovranno proprio tentare di replicare le sue ricette più celebri. Una gara tutta da gustare…

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.