Lucia di Lammermoor per la lirica al Grande

Venerdì 26 (ore 20.30) e domenica 28 ottobre (ore 15.30) andrà in scena il nuovo allestimento. Sono ancora disponibili pochissimi posti di platea e palchi.

(red.) Lucia di Lammermoo per il secondo appuntamento della stagione lirica del Grande. Venerdì 26 (ore 20.30) e domenica 28 ottobre (ore 15.30) andrà in scena il nuovo allestimento, in coproduzione anche con i Teatri di Jesi, Novara, Fermo e Ravenna, che ha iniziato la sua tournée dal Teatro Sociale di Como e torna al Teatro Grande di Brescia dopo cinque anni di assenza.
La messa in scena che il pubblico avrà la possibilità di vedere è una rivisitazione della scenografia di Josef Svoboda (nel decennale della morte) ripresa e riadattata per i Teatri del Circuito dallo scenografo Benito Leonori che nel 1992 ha iniziato la sua collaborazione con il scenografo ceco e con il regista Henning Brockhaus che firma la regia e il disegno luci di questa Lucia di Lammermoor. I costumi sono invece stati disegnati da Patricia Toffolutti e le coreografie sono curate da Emma Scialfa.
Alla direzione d’orchestra Matteo Beltrami, artista che il pubblico bresciano ricorderà nella direzione del dittico Voix Humaine – Pagliacci in scena nella Stagione 2009 e ne Il Barbiere di Siviglia della Stagione 2011. Il cast vocale prevede la partecipazione dei vincitori del 63° concorso As.Li.Co.: nel ruolo di Lucia si alterneranno Ekaterina Bakanova (26 ottobre) e Romina Casucci. Accanto a loro Francisco Corujo sarà Edgardo, Serban Vasile sarà Enrico Ashton, Alessandro Scotto Di Luzio interpreterà Arturo Bucklaw e i ruoli di Raimondo, Alisa e Normanno saranno interpretati da Giovanni Battista Parodi, Cinzia Chiarini e Alessandro Mundula. Per entrambe le recite del 26 e 28 ottobre sono ancora disponibili pochissimi posti di platea e palchi in vendita in biglietteria (orari: mar-ven 13.30-19.00, sab 15.30-19.00) e sui siti teatrogrande.it e vivaticket.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.