Quantcast

Mandolossa, caccia al sicario di Frank

Giovanna Ferrari e Franco Seramondi uccisi da un colpo di fucile a pallettoni. Il sicario è arrivato in motorino. L'allarme lanciato da un clochard.

da-frank-pizzeria(red.) Proseguono le indagini della polizia di Brescia sul duplice omicidio della Mandolossa, dove in un agguato sono stati uccisi Giovanna Ferrari, 63 anni, e Franco Seramondi, 65 anni, proprietari della pizzeria da asporto Da Frank, in via Valsaviore.
L’omicidio è avvenuto poco prima delle 10 di martedì 11 agosto. Due uomini in scooter si sono avvicinati al negozio, uno di questi sarebbe sceso dal mezzo, sarebbe entrato nell’attività, avrebbe chiuso la porta, e con un fucile caricato a pallettoni avrebbe sparato alla donna, uccidendola sul colpo, e avrebbe poi fatto fuoco contro il marito, colpito alle spalle forse mentre tentava di sfuggire al sicario.
A lanciare l’allarme è stato un senza tetto che vive nella zona, che ha notato una macchia di sangue ed è riuscito a chiamare aiuto. Poi l’arrivo di un’ambulanza e delle forze dell’ordine. Seramondi, soccorso dai sanitari, è spirato all’ospedale Civile di Brescia, qualche minuto dopo l’aggressione. Sul luogo del delitto si è recato anche Marco Seramondi, figlio della coppia, disperato per la morte dei genitori.
La polizia sta seguendo la traccia del motorino. Una telecamera puntata su via Mandolossa avrebbe, infatti, inquadrato il mezzo. Sono in corso una serie di accertamenti, e tutti le piste sono al vaglio degli investigatori. L’unica ipotesi scartata è la rapina, dato che dalla cassa non mancava un centesimo. La polizia sta scavando nella vita dei coniugi per cercare di trovare qualche elemento utile alle indagini.
I proprietari della pizzeria da asporto, da sempre, avevano denunciato la difficile situazione della Mandolossa, zona di traffici di droga e di prostituzione, ponendosi in antitesi al racket criminale. Un altro elemento che si sta valutando è l’aggressione subita da un dipendente della pizzeria, lo scorso primo luglio. Arben Corri, un cittadino albanese di 43 anni, era stato ferito da un colpo d’arma da fuoco sparato da un’auto in corsa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.