Quantcast

Da Fondazione Cariplo 400 mila euro per gli enti no profit bresciani

Si chiamano “Interventi Emblematici Provinciali”, e riguardano iniziative di particolare rilevanza per il territorio. Il focus 2021 è sul rilancio delle attività culturali locali.

(red.) Anche per il 2021 Fondazione Cariplo prosegue la collaborazione con le Fondazioni di Comunità per la promozione degli “Interventi Emblematici Provinciali”, a cui la Fondazione ha destinato complessivamente 5,2 milioni di euro. Per il territorio della provincia di Brescia, informa una nota, il bando prevede un budget totale di 400.000 euro finalizzato a promuovere progetti definiti emblematici, ovvero iniziative in grado di produrre un impatto significativo sulla qualità della vita della comunità e sulla promozione dello sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio di riferimento.
Fondazione Cariplo si avvale ancora una volta del supporto e delle competenze delle Fondazioni di Comunità per la promozione e la diffusione dell’iniziativa, l’assistenza agli enti interessati e la candidatura di progetti sul territorio di ciascuna delle tradizionali Province di intervento.
I settori di intervento
Possono essere ammessi a contributo solo interventi in linea con il Documento programmatico di Fondazione Cariplo e attinenti agli indirizzi delle sue Aree filantropiche e strategiche: Arte e Cultura, Servizi alla Persona, Ambiente e Ricerca Scientifica e Tecnologica.
In sintesi, il bando sostiene interventi che siano in grado di promuovere:
• lo sviluppo di comunità sostenibili, coese e solidali;
• il benessere sociale ed economico dei cittadini dei territori di riferimento;
• la realizzazione, la crescita e l’inserimento attivo dei giovani nella comunità.
Per l’edizione 2021 verranno inoltre sostenuti progetti finalizzati a rilanciare le attività culturali locali, anche in una logica di promozione territoriale. Tali progetti dovranno essere ideati, gestiti e realizzati in partenariato, nella prospettiva di (ri)attivare reti/circuiti in grado di:
• sostenere la ripresa del settore delle performing arts;
• riavvicinare il pubblico alla fruizione dello spettacolo dal vivo;
• dare vita a programmazioni condivise fra più soggetti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.