Quantcast

Dal Gruppo Intesa, attraverso Cri, 200 mila tra mascherine, occhiali e tute

(red.) Nell’attenzione continua verso le necessità di supporto dei territori maggiormente colpiti dalla pandemia Covid-19, Ubi Servizi e Sistemi e il gruppo Intesa Sanpaolo hanno nuovamente scelto Croce Rossa Italiana – Comitato di Brescia come partner per la distribuzione di oltre 200.000 dispositivi di protezione individuale a favore delle comunità a rischio marginalità e disagio sociale di Brescia e Bergamo.
Nell’ambito delle attività che Ubi Servizi e Sistemi (oggi nel gruppo Intesa Sanpaolo) porta avanti a supporto degli enti impegnati in prima linea nei territori maggiormente colpiti dall’emergenza sanitaria e sociale in corso – informa una nota – sono stati acquistate all’estero, importate e destinate 220.127 mascherine chirurgiche, mascherine FFP2, tute protettive Cat. III e occhiali protettivi. La Croce Rossa Italiana – Comitato di Brescia, sulla base delle analisi delle esigenze del territorio svolte dalla dott.ssa Marta Prandelli (Croce Rossa Italiana – Comitato di Brescia), dott. Mauro Torri (Editoriale Bresciana) e dott. Massimo Cincera (Sesaab), ha potuto farsi da tramite per destinare la donazione ad enti che si occupano di persone senza fissa dimora Sfd (mascherine chirurgiche ed FFP2) e di servizi Sad per persone anziane (mascherine chirurgiche e FFP2, tute ed occhiali).
Qui è possibile scaricare la tabella completa con il materiale distribuito e i beneficiari a Brescia e Bergamo.

tabella Croce rossa

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.