Quantcast

“Diritti in comune”: tre municipi bresciani aderiscono all’iniziativa Unicef

Più informazioni su

    Brescia. Sono tre i Comuni bresciani che hanno aderito all’iniziativa di sensibilizzazione “DIRITTI IN COMUNE” promossa dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) e UNICEF Italia per il 27 maggio, data del 31° anniversario della ratifica da parte dell’Italia della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Si tratta dei Comuni di Brescia, Borgosatollo (unico comune bresciano che è anche Città amica di UNICEF) e Desenzano del Garda, che attiveranno iniziative per diffondere la conoscenza dei diritti dei bambini e dei ragazzi fra i cittadini e rinnovare l’impegno delle amministrazioni comunali per garantire l’attuazione della Convenzione ONU.

    Le iniziative messe in campo vanno dalla seduta di giunta dedicata a questo anniversario e promuoveranno la Convenzione attraverso il sito istituzionale dei Comuni. Saranno inoltre diffusi i materiali informativi relativi alla Convenzione tra membri della giunta, consiglieri, personale della scuola, cittadini e sarà distribuita la locandina nei luoghi pubblici.

    L’iniziativa è realizzata nell’ambito del Protocollo di collaborazione tra ANCI e UNICEF Italia, rinnovato lo scorso marzo, con il quale è stata confermata la decennale collaborazione tra le due organizzazioni. L’iniziativa vuole anche raggiungere quanti più cittadini possibile perché tutti conoscano la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e perché ciascuno faccia la sua parte per costruire contesti urbani capaci di rispondere alle necessità delle giovani generazioni.

    DIRITTIINCOMUNE’ è rivolta a tutte le amministrazioni comunali e ha l’obiettivo di valorizzare il prezioso ruolo che i Comuni sono chiamati a svolgere perché i diritti dell’infanzia e l’adolescenza non rimangano solo principi ma trovino attuazione concreta nelle azioni e nelle politiche che i Comuni adottano quotidianamente, che devono garantire la sviluppo delle città in armonia con lo sviluppo di bambini, bambine e adolescenti“, ha ricordato Carmela Pace, Presidente dell’UNICEF – “L’UNICEF crede molto nel ruolo della amministrazioni comunali: per questo lavora con i Comuni proponendo il Programma Città amiche dei bambini e degli adolescenti, un percorso che mette concretamente al centro dell’azione politica i diritti dei bambini, delle bambine e degli adolescenti e che supporta le amministrazioni comunali nel tradurre in politiche, azioni e strategie i principi della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza“.

    La rete dell’ANCI – ha commentato il Presidente dell’ANCI, Antonio Decaro – da tempo si impegna affinché le esigenze delle giovani generazioni siano centrali negli atti di programmazione, negli investimenti, nelle scelte politiche e amministrative dei Comuni, con particolare attenzione alle situazioni più difficili: i minorenni affidati ai servizi sociali, e quelli la cui giovane esistenza è già segnata da esclusione, povertà, sfruttamento, violenza. Il protocollo sottoscritto con UNICEF Italia, riproposizione di una collaborazione in atto da tempo, consentirà alle amministrazioni comunali di scambiare informazioni ed esperienze, e varare nuove iniziative concrete dalla parte dell’infanzia“.

    Brescia, inoltre, celebra la giornata di domani anche con una duplice iniziativa promossa dal Comitato provinciale, con il patrocinio di UniBs, Asst Spedali Civili, Provincia di Brescia e la collaborazione di Comune, Ufficio scolastico provinciale e Questura. Al mattino, presso l’aula magna di medicina dell’Università degli studi, si terrà il convegno dedicato a diritti e sport (programma e iscrizioni: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-sport-e-diritti-dellinfanzia-e-delladolescenza-319637292747?aff=ebdssbdestsearch&keep_tld=1).
    Nel pomeriggio, dalle 15 alle 19, bambini, bambine e adolescenti potranno cimentarsi nei laboratori sportivi gratuiti al parco Sam Quilleri (Campo Marte). Per info e iscrizioni: comitato.brescia@unicef.it.

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.