Un bosco secolare nella Valle di Mompiano contro i cambiamenti climatici

Elnòs Shopping al fianco della “Bobo Archetti” Fondazione onlus e dell’Associazione onlus “Gnàri dè Mompià” con una raccolta fondi e una mostra itinerante di 7 illustratrici bresciane.

Brescia. La Valle di Mompiano, a Nord-Est della città di Brescia, costituisce l’unica area pedecollinare e collinare sita nel Comune di Brescia scarsamente edificata. Dalla ex-Polveriera, situata al termine della Valle, si dipartono tre valli minori. Tra queste, la Valle Fredda (così denominata perché dal mese di novembre al mese di marzo non vi batte quasi mai il sole), che porta a Cascina Margherita e al Monte Maddalena, ospita il Rifugio Valle di Mompiano, di proprietà della “Bobo Archetti” Fondazione onlus e gestito dall’Associazione onlus “Gnàri dè Mompià”, un luogo di pace a poca distanza dalla città e quindi accessibile a tutti per età e livello di esperienza nelle camminate.
Dopo aver recuperato dall’incuria i 34 ettari di bosco di proprietà della “Bobo Archetti” Fondazione onlus, grazie anche all’incessante lavoro dei volontari dei Gnàri dè Mompià, la Fondazione stessa ha deciso, affiancata in questo ambizioso progetto da Elnòs Shopping, di lasciare un pegno per il futuro, con un contributo, seppur piccolo, contro i cambiamenti climatici. Nasce così il progetto del Bosco per il futuro 2022-2422, ispirandosi al “Progetto 400” del Centro Interdipartimentale dell’Università degli studi di Padova che prevede la messa a dimora in varie parti d’Italia e d’Europa di giovani alberi da studiare, custodire e preservare per i prossimi quattro secoli.
Obiettivo dell’iniziativa costituire un’area boschiva, suddivisa in una parte a tutela integrale ed in un’area a tutela parziale, dove avviare il progetto del Bosco secolare nella Valle di Mompiano, un impegno a lasciare alle generazioni future un luogo naturale integro e recuperato alla naturalità, ma non abbandonato.
La scelta, simbolica perché non ci saranno divieti e sanzioni, di non accedere ad una parte del Bosco, deve nascere dalla consapevolezza delle sfide che i cambiamenti climatici ci impongono.

Il coinvolgimento della cittadinanza risulta nel progetto un elemento strategico fondamentale per diffondere conoscenza e consapevolezza nel maggior numero possibile di persone. Da qui il ruolo di Elnòs Shopping, che dal 20 maggio ha avviato una raccolta di donazioni spontanee destinate all’iniziativa in prossimità del proprio infopoint, al piano terra della galleria.
Disporrà inoltre l’utilizzo, dal 23 maggio al 5 giugno, di 13 impianti outdoor 3×2 (il quattordicesimo è omaggiato dalla concessionaria pubblicitaria Pubbliesse), normalmente in uso per le proprie campagne di comunicazione, a favore dell’esposizione, in giro per la città e in punti inattesi, delle opere di 7 illustratrici bresciane ispirate al tema “Monte Maddalena, cuore verde della città”. Visibilità ulteriore al progetto verrà data con una campagna di comunicazione in galleria e sui canali web e social di Elnòs Shopping.
“È molto importante per noi supportare questo tipo di iniziative”, sottolinea Giovanni Umberto Marzini, direttore di Elnòs Shopping, “in un dialogo tra territorio e ambiente, abbiamo coinvolto diverse figure sul tema, essendo la sensibilizzazione stessa parte integrante del progetto.”
Ecco i titoli delle opere e i nomi delle illustratrici, con la tecnica di riferimento:
• Appunti di viaggio – illustrazione di Chiara Bolometti – tecnica digitale.
• Al Centro – illustrazione di Laura Pedizzi – tecnica mista su tavola.
• Maddalena Spring – illustrazione di Laura Zani – tecnica digitale.
• DeHumanaNatura – illustrazione di Mara Cantoni – tecnica digitale.
• Seminatrice di boschi – illustrazione di Paola Pezzotta – tecnica digitale.
• Un’avventura nel bosco – illustrazione di Francesca Amici – tecnica digitale.
• Ossigeno – illustrazione di Eliana Micheli – tecnica digitale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.