Inclusione e amicizia, cerimonia in questura a Brescia

Cerimonia questura polizia disabili

(red.) Per la Giornata mondiale della Sindrome Down, in programma il 21 marzo, alcune famiglie sono state invitate dall’ Associazione nazionale della Polizia di Stato di Brescia in Questura, per trascorrere una mattinata insieme. Un’amicizia, all’insegna dell’inclusione e del ricordo di Amedeo, Vittoria, Angelo, Alceste ed Enzo.
La Parrocchia dell’ Oratorio Le Due Sante e la Questura, hanno aperto le porte alle famiglie di FoBAP onlus e della cooperativa sociale Tonini Boninsegna accogliendo i ragazzi e i loro genitori per dare senso e valore all’hashtag #lamiciziaèunacosaseria, che la polizia di Stato ha scelto da anni come motto e come impegno. Durante l’evento preceduto dalla messa celebrata da don Roberto, cappellano della Polizia di Stato e padre Domenico parroco delle Due Sante, il presidente dell’Anps Brescia, Maurizio Marinelli, ha donato un mezzo di trasporto disabili e quattro carrozzine elettriche, destinate alle due onlus.
Uno scambio di doni, rappresentativi di ciascuna realtà – informa una nota – che ha suggellato la nascita di una nuova amicizia, affermando  che l’inclusione è una regola che non si può trasgredire. Discriminazione ed esclusione sociale non devono mai avere spazio nella società in cui viviamo e possono essere prevenuti attraverso momenti di condivisone profonda, partecipazione e conoscenza da parte di tutti, a dimostrazione che chi ha una disabilità è a pieno titolo cittadino, amico, risorsa per il paese e la comunità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.