Quantcast

Da Choros nuova edizione del progetto “La Stella nelle scuole”

(red.) L’Associazione Culturale Choros, che da vent’anni si impegna nella valorizzazione del Canto della Stella in Valle Sabbia e nel territorio bresciano, propone una nuova edizione del progetto “La Stella nelle scuole” dedicata ai bambini e proposto alle scuole primarie e secondarie del territorio.
“Da quattro anni (con un’interruzione nel 2020 a causa della pandemia da Covid-19) il progetto didattico dedicato al Canto della Stella, torna nelle scuole del territorio interessato”, si legge in una nota. “Quest’anno vogliamo proseguire nell’impegno profuso nel corso degli anni e, consapevoli dei rischi e delle restrizioni a cui siamo costretti, abbiamo pensato ad una nuova progettualità – ancora più diffusa ed accessibile – proponendo il progetto, a titolo gratuito, indistintamente a tutte le scuole primarie dei territori interessati affinché possa continuare a vivere un segno di presenza del rito, anch’esso messo a dura prova nella sua prosecuzione a causa dei divieti di assembramento innescati dalla sua esecuzione tradizionale”.

“Per l’edizione 2021/2022 abbiamo pensato ad una proposta di didattica interattiva che si avvale di supporti digitali e materiale didattico da condividere in aula”, continua il comunicato. “Il progetto potrà essere svolto in autonomia dai docenti in modo tradizionale grazie all’ausilio di materiale reperibile gratuitamente dal nostro sito (schede, audiolibri, mp3) oppure attraverso percorsi interattivi da esplorare insieme ai bambini o da proporre in modalità̀ di autoapprendimento. Fondamentale sarà quindi la collaborazione dei docenti curricolari, affinché́ il progetto venga portato a conoscenza dei bambini e delle loro famiglie, per esempio tramite la distribuzione di un codice QR o l’invito a partecipare con disegni a tema”.

Responsabile del progetto per Associazione Choros è la professoressa Daniela Gozzi, musicologa e docente di musica, che resterà a disposizione per fornire supporto didattico ed informatico a distanza. Il progetto prenderà il via dal 13 dicembre, data simbolica – quella di S. Lucia – come prima notte della Luce che accompagna i più piccoli nel clima natalizio che incanta tutti e terminerà a fine gennaio, dopo la tradizionale esecuzione del rito nelle notti che precedono l’Epifania.
Questo progetto anticipa la nuova edizione de “La Dodicesima Notte – Il festival delle Stelle del bresciano”, anch’esso messo a dura prova, ma che non mancherà di regalare una serata speciale nella prima parte di gennaio 2022.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.