Quantcast

Festival della Pace, il programma di lunedì 15 novembre

Più informazioni su

(red.) Lunedì 15 novembre nuovi appuntamenti con la programmazione del Festival della Pace organizzato da Comune e Provincia di Brescia, in collaborazione con Fondazione Brescia Musei e Amnesty International e con l’alto patrocinio del Parlamento Europeo.

Alle 9.00 e Alle 11.00 nei locali dell’Istituto comprensivo nord 1, in via Zadei 76, verrà messo in scena lo spettacolo “Ele & fanti. Piccola storia di elefanti e annaffiatoi. E di guerra. E di pace”, nell’ambito del “Progetto scuole”, realizzato in collaborazione con l’ufficio scolastico territoriale di Brescia.
Lo spettacolo di Claudio Simeone racconta una storia di muri e di carestie, dove la guerra è la più stupida delle scelte e la pace è l’unica soluzione possibile. Un racconto destinato a bimbe e bimbi anche piccolissimi, in forma della favola, i cui protagonisti sono animali. Lo spettacolo è indicato dall’infanzia agli 8 – 10 anni e anche a un pubblico adulto.
Informazioni www.cicogneteatro.com – claudio.cicogne@gmail.com

Alle 18.30 al Teatro San Carlino in Corso Giacomo Matteotti, 6 ci sarà la tavola rotonda sul volume “Il terrorismo a Brescia dopo l’11 settembre. Una mappatura di radicalizzazione e prevenzione di città e provincia” promossa da Liberedizioni Casa Editrice.
Con i due autori del libro Roberto Memme e Pietro Orizio dialogheranno Carlo Alberto Romano Università degli studi di Brescia, Michele Brunelli Università degli studi di Bergamo, Marco Fenaroli assessore alle politiche per la Famiglia, la Persona e la Sanità e all’Associazionismo del comune di Brescia, Marcello Zane, direttore di Liberedizioni.
Ingresso libero.

Alle 21.00 nell’Auditorium San Barnaba in Corso Magenta, 44/a verrà messo in scena “Pia e Damasco” spettacolo teatrale prodotto da Emergency Ong Onlus e promosso da Emergency Gruppo Brescia per la drammaturgia e regia di Patrizia Pasqui, con Silvia Napoletano e Mattia Palazzo e l’intervento di interviene Mario Spallino Attore e Fondatore della Compagnia Teatrale di Emergency.
La pineta del Tombolo è una cicatrice sempre aperta. Oggi quella pineta tra Livorno e Pisa è divenuta Camp Darby, una delle basi logistiche americane più importanti d’Europa, che ha svolto un ruolo decisivo durante la guerra fredda e in tutte le guerre che seguiranno la caduta del muro di Berlino. La rappresentazione propone una riflessione sulle conseguenze che accompagnano la guerra di ogni epoca, disumano strumento che innesca solo spirali di violenza e degrado.
Ingresso gratuito – prenotazione consigliata. Informazioni e prenotazioni brescia@volontari.emergency.it – tel. 335315021.

Saranno aperte le mostre del Festival.
“Untold stories” del fotografo Muhammed Muheisen. Dalle 10 alle 18 all’Image Academy Brescia in Corso Giuseppe Garibaldi 16.
Ingresso gratuito – prenotazione consigliata www.festivaldellapace.it. Informazioni: concorsomiso@gmail.com

“Senzacqua. Suggestioni e suoni dell’acqua perduta”. Dalle 15.30 alle 21.30 a Bunkervikin Via Federico Odorici, 6 mostra fotografica con installazione con le opere donate dagli artisti agli Archivi Sostenibili, Collezione Permanente del San Marino Green Festival.
Ingresso gratuito – prenotazione consigliata www.festivaldellapace.it. Informazioni bunkervik@comune.brescia.it. Prenotazioni per le scuole contatti whatsapp – telegram 335 1820961.

“No more silence. Nome in codice Caesar”. Dalle 15 alle 19 a San Cristo, Centro Missionari Saveriani via Piamarta 9. Esposizione fotografica delle torture subite dai detenuti siriani nelle carceri sotto la dittatura di Assad.
Ingresso gratuito – prenotazione consigliata. Informazioni: www.weareodv.org; tel 051 262392.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.