Quantcast

Girelli su Canton Mombello: “Le ragioni del sì del Pd alla mozione”

(red.) “Bene cercare una soluzione alternativa a Canton Mombello ma necessario agire anche sull’assistenza sanitaria e il reinserimento dei detenuti”. Il consigliere regionale del Pd e presidente della Commissione d’inchiesta sul covid Gianni Girelli motiva così il voto favorevole del Pd alla mozione presentata dalla Lega che chiedeva di sensibilizzare il governo sulle criticità del carcere di Canton Mombello. “Abbiamo votato si alla mozione emendata in più parti dai contributi raccolti in aula, perché è evidentemente necessario intervenire sullo stato di enorme criticità di Canton Mombello. Da un lato si auspica l’impiego delle risorse stanziate a suo tempo per creare una soluzione alternativa all’attuale sede di Canton Mombello. Ma dall’altro si deve anche pensare a adeguare azioni sul piano del servizio sanitario regionale nel carcere e del reinserimento delle persone detenute”.
“Rimane”, conclude Girelli, “inoltre, la necessità, anche per il consiglio regionale, di attivarsi per aprire una seria discussione a livello nazionale affinché si parli di pene alternative, nonché dell’attuazione della Convenzione di Strasburgo, così come aggiornata dall’allora ministro Orlando. Da sempre, e non solo da ora, il Pd è impegnato sui temi del carcere. Fa piacere che anche altre forze politiche abbiano maturato una adeguata sensibilità in merito”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.