Quantcast

Cellulare alla guida, da inizio anno 510 violazioni

Le multe comminate dalla Stradale non frenano la pericolosa abitudine . Dall'anno scorso già 81 casi in più. 44 automobilisti multati solo la scorsa settimana.

(red.) I dati statistici forniti dall’Anas, confermano che la distrazione alla guida causata dall’uso dei cellulari, è una delle cause principali degli incidenti stradali. Secondo stime recenti, circa il 24% dei sinistri sono causati dall’uso degli smartphone. Secondo dati Istat, oltre il 96% dei guidatori ammette di usare il telefono durante la guida, utilizzandolo per controllare i social, leggere news o chattare su WhatsApp, persino per guardare video. Nel periodo tra il 01 gennaio e il 21 marzo 2021, sono state 510 le violazioni accertate dalla Polizia Stradale di Brescia per l’uso del cellulare durante la guida. Nello stesso periodo, nel 2020 le sanzioni erano state 421 con un incremento di 89.
Secondo David Greenfield, professore di psichiatria all’Università del Connecticut, la ragione principale sarebbe da attribuire a una vera e propria fobia, definita “Nomofobia” e cioè la fobia di restare senza connessione con ciò che ci circonda. Si arriva a non spegnere mai il telefono anche in ore notturne, controllare le notifiche. Insomma, il dispositivo diventa la nostra droga, non se ne può più fare a meno e si tende a utilizzarlo in ogni luogo.

La normativa prevede il divieto di far uso di apparecchi radiotelefonici durante la guida fatta eccezione per i conducenti dei veicoli delle Forze Armate e dei corpi di cui all’articolo 138 comma 11, e di Polizia. E’ consentito l’uso di apparecchi a viva voce o dotati di auricolare purché il conducente abbia adeguate capacità uditive ad entrambe le orecchie (che non richiedono per il loro funzionamento l’uso delle mani).
Chiunque viola le disposizioni è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 165 a euro 660. Si applica la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre mesi, qualora lo stesso soggetto compia un’ulteriore violazione nel corso di un biennio.

Nel corso della settimana dal 15 al 21 marzo 2021 la Polizia Stradale di Brescia ha multato 44 persone per l’uso del telefonino alla guida e 36 per il mancato o non corretto uso della cintura di sicurezza.
La stradale ha effettuato numerosi controlli coinvolgendo 258 pattuglie di vigilanza stradale, di cui 140 in autostrada e 118 sulla viabilità ordinaria che hanno controllato 1.077 veicoli e 1.177 persone.
605 sono state le infrazioni complessivamente elevate con 967 punti decurtati; le patenti ritirate sono state otto, le carte di circolazione cinque e sono stati effettuati cinque fermi amministrativi.
Sono state contestate 16 violazioni per eccesso di velocità e 14 violazioni per velocità pericolosa. Inoltre 14 persone sono state sanzionate per la violazione delle misure restrittive in materia di mobilità non rispettando le limitazioni del Dpcm Covid-19.
L’attività infortunistica complessiva conta 16 incidenti: otto dei quali con feriti e altrettanti con soli danni alle cose.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.