Quantcast

Nuovo video manifesto di AISLA: come crescono i figli di un genitore affetto da SLA

Più informazioni su

(red.) «Per me questo non è un gioco» è online sul canale YouTube dell’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica ed è visibile su tutti i canali social. Anna, la protagonista del video, da grande sogna di diventare una chef e aprire un ristorante, lo racconta al suo papà mentre cucina. Lo spot è una fotografia della vita quotidiana dei figli di un genitore affetto da SLA, bambini che sono dovuti crescere un po’ più in fretta, confrontandosi con la malattia, ma che non devono rinunciare a inseguire i loro sogni.

 

Il video manifesto è stato presentato questa mattina in diretta online, sui canali Facebook e YouTube di AISLA, con l’intervento del Segretario Nazionale AISLA Onlus Alberto Fontana, il testimonial e consigliere RON – Rosalino CellamareAndrea Azzolini, Arianna Formilli, Riccardo Bertoldi Roverotto e Silvia Borri gli studenti dello IED Milano che hanno realizzato il video per Spot School Award organizzato da CREATIVIsiNASCE, i rappresentati della Giuria dello Spot School Award 2020 e Paolo Zanini, papà affetto dalla Sclerosi Laterale Amiotrofica che ha inconsapevolmente ispirato il progetto. A presentare, invece, il noto speaker radiofonico Davide Briosi, meglio conosciuto come BRIO.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.