Massardi (Lega): “Dalla Regione 200 mila euro per le associazioni d’arma”

(red.) La giunta regionale della Lombardia ha approvato, con delibera n. 4218 del 25 gennaio 2021, i criteri per l’assegnazione dei contributi alle associazioni combattentistiche, d’arma e delle forze di dell’ordine per l’anno 2021, ai sensi della legge n. 2/2020.  Sono stati stanziati 200 mila euro che andranno a finanziare progetti con funzione sociale, culturale ed educativa.
“Sono molto orgoglioso di aver fatto parte di questo progetto fin dagli inizi, di esserne stato uno dei proponenti e di averne seguito tutto l’iter di approvazione”, ha detto Floriano Massardi, consigliere leghista al Pirellone e vice capogruppo. “È stato un lungo lavoro, fatto di concerto con la maggioranza e le forze di opposizione, che ha portato all’ottimo risultato di cui oggi si possono cogliere i frutti”.

“Nel febbraio del 2020″, prosegue Massardi, “è stata approvata dal consiglio regionale, dopo un lungo lavoro in Commissione, la legge ‘Sostegno alle associazioni combattentistiche, d’arma e delle associazioni delle forze dell’ordine’; oggi, con l’approvazione delle linee guida della giunta per lo stanziamento dei fondi, giungiamo al termine di un importante percorso volto a valorizzare queste realtà associative che svolgono un ruolo di grande rilievo per il nostro territorio”.

Grazie a questi fondi saranno finanziati progetti in ambito culturale, educativo e di promozione sociale. La dotazione finanziaria è di 200 mila euro. Il contributo, erogato a fondo perduto, potrà finanziare fino  all’80% delle spese complessive ammesse, per un massimo di 15 mila euro per ogni progetto.
“Sono estremamente soddisfatto”, conclude Massardi, “per l’esito positivo di questo progetto che ho seguito con attenzione e che mi sta molto a cuore. Spero possa fungere da volano per le associazioni interessate, affinché si radichino ulteriormente sul territorio e possano ampliare il raggio del loro operato”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.