Lancini (Lega): “Tribunale dei brevetti a Milano, non ripetere gli errori di Ema”

(red.) L’eurodeputato Danilo Oscar Lancini (Lega) interviene sul tema della candidatura di Milano a sede della sezione specializzata in brevetti chimici e farmaceutici del Tribunale Unico del Brevetti (TUB).
“Mentre viene finalmente avviata la promozione della candidatura europea della città di Milano quale sede della sezione chimico/farmaceutica della Divisione Centrale del Tribunale Unico dei Brevetti”, ha detto Lancini, “sono a confermare il mio convinto sostegno all’iniziativa, che già unisce diversi attori istituzionali e portatori di interesse. Si tratta di una candidatura che vede in Milano una sede naturale, sia in quanto metropoli vicina all’impresa, che per la presenza di una sede già disponibile, ma soprattutto per il ruolo leader del nostro Paese in termini di autorizzazione a nuovi brevetti proprio nel settore farmaceutico”.

“Per questo motivo”, conclude Lancini, “sebbene non vi sia un coinvolgimento diretto del Parlamento europeo nella scelta, non mancherà il mio pieno e risoluto supporto in ogni sede. Auspico con forza che il governo segua con grande attenzione e decisione questo dossier affinché non si ripetano gli errori commessi in passato sull’assegnazione della sede dell’Agenzia europea del farmaco (Ema)”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.