Qualità della vita, Pordenone prima. Brescia sale al 21° posto

La nostra provincia in controtendenza rispetto ad altre del nord Italia che retrocedono, anche causa Covid.

(red.) Nella giornata di ieri, domenica 29 novembre, Italia Oggi e l’Università La Sapienza di Roma hanno diffuso il consueto report sulla qualità della vita nelle città italiane. Ma è ovvio che in questa relazione abbia pesato molto la pandemia da Covid-19. Non a caso diverse città del nord Italia, quelle più colpite dalla prima ondata, hanno perso diverse posizioni in classifica.

Tuttavia, in questo senso va in controtendenza Brescia che sale dal 22° al 21° posto. La provincia guadagna posizioni a livello ambientale, tanto da essere settima in Italia, ma la pandemia l’ha fatta regredire dal 6° al 72° posto in tema di mortalità e sicurezza sociale.

Retrocede di qualche posizione anche sul fronte dei reati e della sicurezza, salute e lavoro, ma avanza in istruzione e formazione, popolazione e reddito. Il report indica al primo posto Pordenone e sul podio vanno anche Trento e Vicenza, seguite da Padova, Ascoli Piceno, Verona, Treviso, Bolzano, Udine e Siena. Ultimo posto, invece, per Foggia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.