Baby Pit Stop Unicef, protocollo per la valorizzazione

(red.) Un protocollo d’intesa per promuovere il progetto dei Baby Pit Stop dell’UNICEF Italia e i valori di una corretta e sana alimentazione, nel rispetto della Convezione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. A firmarlo i presidenti di UNICEF Italia, Francesco Samengo, e Soroptimist International d’Italia, Mariolina Coppola. 

 

Baby Pit Stop sono spazi appositamente pensati per le famiglie e i loro bambini. Un’area dove è possibile gratuitamente allattare e cambiare il pannolino ai propri bambini, in un ambiente riservato e accogliente.  Il termine “Pit stop”, in uso nella Formula1, indica un’area di sosta per il rifornimento veloce di carburante.  

 

Il protocollo, durata due anni, prevede di allestire aree attrezzate con particolare riguardo a musei, biblioteche e contesti culturali e intende promuovere la Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. A livello locale, verranno offerti esempi di buone pratiche nella promozione e sensibilizzazione dei diritti dei bambini ad altri e istituzioni.

 

Il programma dell’UNICEF Italia ‘Insieme per l’Allattamento’ rappresenta un’azione integrata che coinvolge tutto il percorso nascita, in modo che i genitori e i loro bambini abbiano accesso tempestivo a una rete di sostegno continuativa tra gli operatori del punto nascita e dei servizi territoriali, i gruppi di sostegno e la comunità locale: ad oggi, fanno parte della Rete UNICEF in Italia 30 Ospedali e 7 Comunità riconosciuti dall’UNICEF come Amici dei bambini, 4 Corsi di Laurea riconosciuti Amici dell’Allattamento e oltre 900 Baby Pit Stop.

 

Allattare un bambino significa garantirgli il miglior inizio di vita possibile. Lallattamento, oltre a dare enormi benefici alla salute e allo sviluppo del bambino e della madre, è ecocompatibile, protegge l’ambiente ed è economicamente sostenibile. Nell’ambito del Programma ‘Insieme per l’allattamento: Ospedali e Comunità amici dei bambini’, l’UNICEF promuove la cultura dell’allattamento con il progetto dei Baby Pit Stop, spazi sicuri dedicati alla cura del bambino. Ringrazio il Soroptimist per il sostegno a questa importante iniziativa. Insieme potremo garantire alle famiglie la possibilità di prendersi cura dei propri bambini in spazi protetti quando sono fuori casa”, ha dichiarato il presidente Samengo. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.