Mymenu con Maremosso: food delivery anche per i bisognosi

L'associazione e l'azienda insieme con SoStieni Brescia hanno consegnato cibo gratuitamente a chi ne aveva bisogno.

(red.) Mymenu (www.mymenu.it), il servizio di food delivery italiano, dal nascere dell’emergenza Covid-19 collabora a stretto contatto con istituzioni e collaboratori, interni ed esterni, con l’obiettivo di dare un servizio alla collettività, aiutando chi non può uscire di casa, favorendo la riduzione delle occasioni di uscita, supportando il mondo della ristorazione e nelle ultime settimane anche fornendo pasti gratuiti a famiglie colpite dall’emergenza.
L’iniziativa a sostegno delle famiglie bresciane nasce dal desiderio di voler contribuire alla virtuosa iniziativa SOStieni Brescia, avviata dal Comune di Brescia e supportata dal valore di diversi personaggi pubblici tra cui Ambra Angiolini, ideatrice dell’iniziativa.

In collaborazione con l’Associazione di volontariato Maremosso, che ha contribuito all’individuazione delle famiglie tra le più bisognose, ed al Gruppo Consoli che ha contribuito attivamente nella produzione e confezionamento puntuale dei pasti, sono stati consegnati settimanalmente da Mymenu circa 350 pasti gratuiti. L’iniziativa è stata svolta con la consueta qualità che da sempre contraddistingue le aziende coinvolte, servendo pasti di qualità, in maniera puntuale e di volta in volta verificando la soddisfazione dei beneficiari. Le consegne proseguiranno ancora per qualche settimana, i risultati sono già molto positivi, le famiglie sono rimaste tutte soddisfatte soprattutto del trattamento, che doverosamente è stato pari a quello riservato a qualsiasi famiglia che ordini normalmente da Mymenu.

 

Il lancio del servizio nel 2016 nella città di Brescia è stato determinante per lo sviluppo della nostra azienda, la risposta dei cittadini e la loro fidelizzazione hanno contribuito in maniera importante per la nostra crescita. Per questo durante un momento di difficoltò abbiamo rafforzato il servizio, puntando a servire quante più famiglie possibili quindi supportando la ristorazione bresciana. Abbiamo però pensato che dovevamo e potevamo fare di più senza alibi strategico aziendale. In tal senso, vista l’importante iniziativa SOStieni Brescia abbiamo voluto contribuire in modo concreto e facendo ciò che ci riesce meglio: servire pranzi e cene a domicilio, in questo caso però in modo totalmente gratuito a famiglie in difficoltà. Ringrazio il Gruppo Consoli e l’Associazione Maremosso senza i quali non saremmo riusciti in quest’iniziativa e ringrazio i bresciani tutti, con la promessa che questo sia l’inizio della nostra riconoscenza”, dichiara Edoardo Tribuzio, CEO di Mymenu.

 

“Siamo molto orgogliosi delle nostre importanti radici bresciane e sebbene le circostanze abbiamo colpito duramente anche il nostro settore, abbiamo deciso subito di aderire all’iniziativa apprezzandone particolarmente lo spirito pratico promosso da Mymenu. Parteciperemo volentieri a nuove iniziative future che ci permettano di sfruttare la nostra esperienza decennale a favore dei più bisognosi e ringraziamo tutti i promotori dell’iniziativa per il coinvolgimento”, dichiara Stefano Consoli, CEO di Gruppo Consoli.
Mymenu opera principalmente in Nord Italia, nelle città di Milano, Bologna, Padova, Modena, Brescia, Verona con circa 700 ristoranti selezionati e 500 collaboratori impegnati nelle attività di consegna. Noto per il suo servizio di qualità rispetto agli altri operatori del settore, è l’unica realtà che punta ad un target di clientela che non si accontenta solo di ricevere i pasti a domicilio bensì cerca un servizio di qualità con un’offerta ristorativa di livello.

 

MAREMOSSO è partner e piattaforma di smistamento delle donazioni alimentari e materiali della campagna SOStieni Brescia grazie all’esperienza maturata in vent’anni come HUB Provinciale per la raccolta e redistribuzione a scopo sociale di beni alimentari, che si avvale da sempre del supporto logistico e del know how gestionale e socio-educativo fornito dalla Rete di cooperative sociali CAUTO.
Questa rete solidale, in grado di recuperare e redistribuire annualmente circa 3MI di kg di cibo ad un bacino di circa 10.000 persone bisognose, funziona normalmente grazie ad un modello virtuoso di recupero delle eccedenze alimentari. Grazie alla collaborazione con Mymenu, anche in emergenza, MAREMOSSO può garantire un valore nutritivo di qualità ed ottenere + cibo di qualità e – povertà alimentare. Per sostenere e seguire tutte le iniziativa di solidarietà di MAREMOSSO.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.