Rsa e Rsd, lettera al Pirellone per riaprire alle visite dei pazienti

Tutti, online, possono sottoscriverla: sarà inoltrata il 20 luglio al governatore Fontana e assessore Gallera.

(red.) Ci sono anche diversi professionisti e realtà sanitarie e sociali bresciane tra gli oltre quaranta firmatari di una lettera che il prossimo 20 luglio sarà inviata al governatore lombardo Attilio Fontana e all’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera sul tema delle case di riposo e centri diurni. E con questa missiva si chiede di rivedere la delibera di giunta dello scorso 9 giugno che impedisce ancora ai familiari di poter vedere e visitare i propri parenti nelle residenze sanitarie.

L’iniziativa, presentata ieri, martedì 7 luglio, arriva dal nuovo gruppo Connettere Salute nato online. Proprio attraverso il sito internet connetteresalute.it, dove tutti possono sottoscrivere la lettera che sarà inviata al Pirellone, si possono leggere le proposte del neonato comitato. Per esempio, rendere più veloce l’ingresso di nuovi ospiti nelle case di riposo dopo due tamponi negativi e far trascorrere la quarantena di 14 giorni nella residenza e non a casa.

Ma anche riattivare da subito le visite da parte dei familiari, con tutte le misure di sicurezza del caso e permettere agli ospiti di uscire nel rispetto delle disposizioni. Infine, il sostegno economico alle strutture che rischiano di fallire dopo la pandemia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.