Riaperture, via a teatri, cinema e centri estivi. Anche viaggi in Europa

Da oggi in Lombardia si possono organizzare anche sagre. In tutta Italia l'app Immuni per la mappa del contagio.

(red.) Quella di oggi, lunedì 15 giugno, sarà un’altra giornata importante a livello nazionale, ma anche locale tra regioni e singoli territori, nel momento in cui vengono concesse nuove riaperture dopo il lockdown. Da oggi, quindi, possono riaprire cinema, teatri, centri estivi per bimbi e sale giochi, bingo e scommesse e sarà anche possibile partecipare a conferenze o eventi in presenza. Su questo fronte, però, soprattutto per quanto riguarda i cinema e i teatri, in provincia di Brescia diversi paesi, a partire dal capoluogo, stanno cercando di capire come adeguarsi alle nuove disposizioni.

Di certo, in Lombardia come prevede la nuova ordinanza regionale del governatore Attilio Fontana e che entra in vigore proprio oggi a integrazione del nuovo dpcm, fino al 30 giugno si dovrà per forza continuare a coprirsi naso e bocca con le mascherine o altri indumenti, anche all’aperto. Un’altra novità che riguarda sempre la Lombardia, sull’onda di quanto stabilito anche da altre regioni, è la possibilità di tornare a organizzare le sagre di paese, ovviamente rispettando tutte le misure di sicurezza.

A questo si aggiunge il fatto che da oggi, lunedì, in tutta Italia e quindi anche nella nostra regione chiunque sia dotato di uno smartphone può scaricare dagli store di Apple e Google Play, gratuitamente, l’applicazione “Immuni” che consente di tracciare i contagi. Ma probabilmente una delle novità più attese e principali, in particolare sul fronte del turismo, è che sempre da oggi si potrà tornare a viaggiare (restando però in Europa). Chi si muove in aereo potrà contare sull’intera disponibilità di posti a bordo, ma portando in cabina solo un bagaglio a mano e le altre valigie in stiva.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.