Ripartenza, i sikh italiani donano 55 mila euro per la ricerca contro il Covid

(red.) Il Comitato dei luoghi di culto sikh in Italia (“Sikh Gurdwara Parbandhak Comitato Italia”) ha raccolto 55mila euro da donare ai seguenti ospedali d’Italia per l’emergenza Coronavirus:
1. Euro 40.000,00(QURANTAMILA) per progetto di ricerca nanotossicologo per il Covid 19, dell’Ospedale Giovanni XXlll di Bergamo promosso dal dott. Andrea Gianatti, direttore di Anatomia Patologica in collaborazione con la scienziata nanopatologa Antonietta Gatti, e/o per fornitura di mascherine, tamponi e reagenti, per il Covid 19.

2. Euro 15.000 (QUINDICIMILA) all’Ospedale Colombus Gemelli di Roma, per mascherine, tamponi e reagenti per il Covid 19.

“Visto l’aumento dei casi di contagio e la mortalità da coronavirus”, si legge in una nota, “Il Comitato dei luoghi di culto sikh in Italia “Sikh Gurdwara Parbandhak Comitato Italia”si è subito attivato perché fra di noi si seguissero scrupolosamente le indicazioni governative per il contrasto all’epidemia. Ma ci siamo resi conto che questo non era sufficiente, e così abbiamo deciso la raccolta di denaro cui hanno partecipato anche non sikhCon questa donazione vogliamo comunicare ai nostri amici italiani che noi siamo con loro e non scordiamo tutto quello che hanno fatto per noi. Vogliamo rispettare i vostri valori e integrarci pienamente, entrando a far parte della vita di questo Paese. Sono convinto che la conoscenza reciproca di cultura, tradizioni, fede e filosofia di vita facilitano l’integrazione tra le diverse comunità senza che alcuna perda la propria identità e creano le condizioni necessarie per i popoli appartenenti a diverse culture di vivere in armonia e in pace. Il Sikhismo è per la fratellanza universale e la pace, l’armonia e la solidarietà tra persone appartenenti a fedi diverse ma che convivono all’interno di una stessa comunità”.

 

CHI SONO I SIKH

La religione Sikh è stata fondata in Punjab – India in XV secolo dal primo Guru dei sikh, il Guru Nanak. La religione Sikh (Sikhismo) è una religione monoteista: crede in un Dio, il quale è Unico Dio. Non riconosce alcuna Divinità, tranne l’Essere Trascendente, che è il solo Creatore di questo universo e dell’al di là, esiste in esso e lo governa.

Tutti gli esseri umani sono uguali di fronte a Dio. Dio è la nostra madre ed il nostro padre e noi siamo i suoi figli. Non esistono esseri umani inferiori o superiori per nascita, sesso, classe sociale o ricchezze. Noi dobbiamo portare il messaggio di Dio alle porte di ogni casa della comunità e per promuovere la pace, l’armonia e la solidarietà tra persone appartenenti a fedi diverse ma che convivono all’interno di una stessa comunità. Le scritture sacre dei Guru dei Sikh infondono nei credenti lo spirito di rispetto verso se stessi, verso il lavoro, uno spirito di fratellanza, di umanità, d’amore, di uguaglianza, di tolleranza e un senso di servizio altruistico. verso gli altri. Questi sono l’espressione di un messaggio universale, di pace e di un’esperienza spirituale profonda.

La religione Sikh ci insegna che dobbiamo credere nella nostra Fede e nel contempo rispettare tutte le altre religioni. Agli occhi dei Sikh le persone appartenenti alla propria fede oppure ad altre, gli amici ed i nemici, sono uguali. I Sikh amano i loro amici ma non maltrattano i loro nemici. Sikh implorano per il bene di tutta l’umanità nelle loro preghiere quotidiane, siano esse recitate in privato oppure in comunità Sikh: questo è un messaggio di tolleranza religiosa, fratellanza, amore e pace.

La comunità Sikh e le pratiche religiose che si svolgono nei Gurdwara (luoghi di culto Sikh) sono aperte a tutti, senza distinzione di alcun genere e tutto viene svolto in modo pubblico e trasparente. E’ tradizione nella religione Sikh offrire cibo gratuito nei luoghi di culto. Ognuno, senza distinzione alcuna, è seduto in fila per terra nel Langar (cucina del Guru) e mangia con modestia il cibo preparato dai volontari, in nome del principio secondo il quale tutti siamo uguali. Sikhismo è pienamente per la fratellanza universale nella parola e nello spirito.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.