Ritirò squadra dopo insulti ad arbitro: nominato Cavaliere

Marco Giazzi aveva deciso di ritirare la sua formazione di basket (in vantaggio) dopo gli insulti dai genitori.

(red.) C’è anche il 26enne Marco Giazzi tra i trentadue insigniti dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella dell’onorificenza come esempi civili. Il giovane, originario di Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova, allenatore della squadra bresciana Under 13 Amico Basket Carpenedolo aveva fatto ritirare i suoi giocatori dal campo e nonostante il vantaggio sugli avversari del Negrini Quistello. Una reazione dovuta agli insulti dei genitori tifosi all’indirizzo dell’arbitro 14enne.

Un gesto che ora gli è valso il riconoscimento da parte del Capo dello Stato. “Cittadine e cittadini che si sono distinti per atti di eroismo, per l’impegno nella solidarietà, nel soccorso, nella cooperazione internazionale, nella tutela dei minori, nella promozione della cultura e della legalità, per le attività in favore della coesione sociale, dell’integrazione, della ricerca e della tutela dell’ambiente.

Il Presidente Mattarella – si legge in una nota – ha individuato, tra i tanti esempi presenti nella società civile e nelle istituzioni, alcuni casi significativi di impegno civile, di dedizione al bene comune e di testimonianza dei valori repubblicani. “Per il suo esempio e l’ammirevole contributo nell’affermazione dei valori della correttezza sportiva e della sana competizione nel mondo dello sport” è la motivazione che ha spinto a dare il titolo di Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.